Android 7.1 già presente nella console sviluppatori: novità per tutti o “esclusive”?

Nicola Ligas -

Con l’arrivo Nougat, Google ha annunciato che d’ora in poi Android avrà aggiornamenti di mantenimento cadenzati ogni tre mesi, oltre ai mensili update di sicurezza ovviamente, e la prossima versione sarà con buona probabilità Android 7.1, dato che questa è già presente nella console sviluppatori (vedi screenshot a fine articolo), nella sezione dedicata agli arresti anomali delle app.

Tenete conto che con Marshmallow Google si è spinto solo alla 6.0.1, con cambiamenti in effetti davvero minori, mentre l’arrivo di una 7.1 potrebbe indicare qualcosa di più, magari le tante novità trapelate negli ultimi tempi e le nuove API 25, che dovrebbero essere in test da tempo sui nuovi Nexus.

Rimane però un dubbio che non ci sentiamo di non considerare per adesso: siamo davvero sicuri che queste nuove funzioni arriveranno per tutti? Se Google Assistant è un prodotto che ci aspettiamo si diffonda un po’ in tutti gli Android (Now on Tap si è comunque preso un po’ di suo tempo per arrivare in italiano), il Nexus Launcher e funzioni specifiche quali night light o le gesture sul lettore di impronte potrebbero invece essere davvero le esclusive dei Nexus di cui parlava Sundar Pichai mesi fa; e forse addirittura non di tutti i Nexus supportati, ma solo di quelli nuovi di HTC.

Il rilascio di Android 7.1 coinciderà probabilmente con l’annuncio proprio dei nuovi Nexus, e ce lo aspettiamo ormai tra ottobre e novembre (Google ha parlato genericamente di autunno), ma le nuove release di Nougat dovrebbero adottare la formula della developer preview, quindi potremmo averne un assaggio anche prima. Vi avvertiamo solo di non prestare fede, nel frattempo, a possibili report su Android O(reo): cose simili si vedono da anni al rilascio di ogni nuova versione di Android, e se da una parte sarà senz’altro vero che Google è al lavoro sul post-Nougat, questi “avvistamenti” non significano nulla e tendenzialmente sono solo dei falsi.

Da non perdere

Via: Android Police