Cyanogen Inc. avrebbe gonfiato il numero di utenti di CyanogenMod (e non di poco!)

Nicola Ligas -

Secondo Kirt McMaster, CEO di Cyanogen Inc., a metà 2014 CyanogenMod poteva contare su oltre 20 milioni di utenti, arrivati poi a 25 milioni ad inizio 2015. In aggiunta a questi, egli credeva ce ne fossero circa altri 30 milioni che non potevano essere tracciati, ed il totale di circa 50 milioni di utenti è stato ripetuto più volte in eventi pubblici (incluso anche uno nel 2016), interviste alla stampa e altrove. Peccato che vengano ora sollevati pesanti dubbi sulla veridicità di queste cifre.

A marzo 2016, due dirigenti dell’azienda hanno espresso preoccupazioni in merito: uno dei due citando un “bug” nelle metriche dell’azienda, e l’altro sostenendo che non ci fossero dati precisi a supporto di quelle cifre, aggiungendo che una stima più accurata sarebbe stata di un decimo di quanto riportato, ovvero 2,5 milioni di utenti (il riferimento era ai 25 milioni).

Kondik sostiene che ci siano sempre state difficoltà nel tracciare il numero di utenti del firmware custom (e sottolineiamo nuovamente che parliamo di CyanogenMod, non Cyanogen OS), dato che la privacy è sempre stata al centro della sua esperienza d’uso, e che, in quanto startup, la sua azienda “non ha i migliori meccanismi” per contarli; aggiungendo infine che nelle ultime settimane Cyanogen ha scoperto 6-7 milioni di utenti che avevano scelto di non essere tracciati via software.

LEGGI ANCHE: Cyanogen Inc. ridimensionata: tagli ingenti

Capirete però da soli che, per un’azienda che si è sempre basta su investimenti di privati e non, i numeri sono vitali,per far credere agli investitori di aver scommesso su un cavallo vincente, e di interessi illustri Cyanogen Inc. ne ha avuti diversi, tra cui Microsoft, Amazon, Qualcomm, Twitter e altri.

La morale della favola è che, dopo i recenti tagli, in un meeting condotto a fine luglio 2016 con i circa 100 impiegati rimasti, McMaster ha affermato che i licenziamenti sono stati necessari per dare all’azienda almeno altri due anni di vita in cui capire cosa fare. Speriamo per loro che ci riescano, perché finora Cyanogen Inc. ha prodotto decisamente tanto più fumo che arrosto, a cominciare proprio dalle dichiarazioni dello stesso McMaster, giustificabili solo nell’ottica di chi cerchi di attirare l’attenzione su di sé, ma senza conseguenti fatti a supportarle.

Fonte: The Information