A Boeing piacevano i Google Glass, segno che nel ramo industriale avevano un futuro

Nicola Ligas -

I Google Glass rappresentano ad oggi uno dei pi√Ļ grandi flop di Google, un po‚Äô sotto¬†tutti i punti di vista, sia perch√©¬†sono stati tolti dal commercio praticamente¬†senza mai esserci arrivati, sia perch√© sono stati mal collocati fin dall‚Äôinizio, presentandoli come un accessorio per tutti, quando in realt√† non lo erano affatto (ma questo ve lo dicevamo anche un paio di anni fa).

Secondo un report di CIO.com, a Boeing invece i Google Glass piacevano, tanto da utilizzarli nella costruzione degli aerei, dove alcuni collegamenti molto complessi dei cavi vengono realizzati a mano sulla base di schemi PDF visualizzati su un PC. Con l’impiego dei Glass invece, la produzione di questa parte è stata velocizzata del 25% ed il tasso di errori dimezzato, ma il software in questione è stato utilizzato solo da un ridotto numero di tecnici Boeing, come parte di un programma pilota che poi è stato chiuso.

LEGGI ANCHE: Augmedix vuole portare i Google Glass sui volti dei medici

Boeing è comunque interessata a questo tipo di tecnologia, sia per le proprie catene di montaggio che anche per la Stazione Spaziale Internazionale. I problemi da risolvere sono comunque molti, da quelli tecnici per la realizzazione di simili occhiali (che ci sia speranza per i Google Glass 2.0?) a quelli di sicurezza, ma Boeing si sarebbe dichiarata vicina ad una soluzione.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi, ma in ogni caso è ormai chiaro che questo tipo di tecnologia non è destinata all’uomo comune, almeno nel prossimo futuro.

Via: The Verge