Android dalla A alla Z: cos’è il Compatibility Test Suite (CTS)?

Nicola Ligas -

CTS è l’acronimo di Compatibility Test Suite, ovvero una serie di “prove” che un dispositivo deve superare per essere dichiarato Android-compatibile, a patto che esso sia a prescindere conforme all’Android Compatibility Definition Document (CDD), che elenca una serie di requisiti, sia software che hardware, che ogni dispositivo Android deve avere.

LEGGI ANCHE: Oppo N1 passa il CTS, il primo smartphone CM approvato da Google

Il CTS è un test del tutto automatizzato, che richiede anche diverse ore per ogni iterazione, costituito da due componenti fondamentali:

  • Il software con il test CTS vero e proprio, che risiede su un PC Desktop.
  • I singoli test, che vengono eseguiti sul dispositivo mobile collegato via USB o su un emulatore. I vari casi di test sono scritti in Java come JUnit tests e pacchettizzati in forma di file .apk in modo da girare sul dispositivo in oggetto.

Avere un dispositivo che abbia passato il CTS è un pre-requisito per richiedere l’inclusione di Google Play sul dispositivo stesso, in modo da fornirgli accesso all’ecosistema Android. La licenza di Google Play non è comunque automaticamente ottenuta al superamento del test, e richiede comunque l’approvazione di Google.

Fonte: Android Developers