Warp: 3 temi in 3 tap

Warp: 3 temi in 3 tap
Andrea Bordin
Andrea Bordin

Nuovo appuntamento e nuova interfaccia, anzi, nuove interfacce: oggi vi mostreremo come cambiare agilmente l'aspetto della nostra Home con pochi tap, grazie a Themer e alla sua vasta raccolta di temi.

LEGGI ANCHEThemer: la nostra prova dell’app di personalizzazione legata a MyColorScreen

Themer è il prodotto della community di MyColorscreen, che ormai avrete imparato a conoscere visto che diversi temi che vi abbiamo mostrato li abbiamo pescati proprio da lì; chiariamo che installare Themer non significa avere la possibilità di avere qualsiasi Homescreen presente sul sito (in questo momento sono più di 50'000), anche perché i vari componenti (launcher, widget, template e molto altro) necessitano di precise configurazioni per ottenere il medesimo risultato postato dall'autore, l'app è invece a tutti gli effetti un launcher, in grado di scaricare dei temi già pronti, in maniera tale che si configurino automaticamente.

 

Dopo l'installazione ci compariranno quattro schermate di benvenuto ad elencare le caratteristiche salienti di questo launcher, che vi ricordiamo essere ancora in fase di beta.

 

 

A questo punto possiamo già cominciare a sfogliare i temi installabili, filtrandoli per data o per popolarità, oltre che settare alcuni parametri del'app, come ad esempio i collegamenti preferiti (intesi come associazione tra le shortcut e le app che vengono richiamate alla selezione delle stesse) le gesture e i dati di login.

 

 

In questo caso abbiamo sfogliato tappando sulla voce Newest, quindi vedendo prima i più recenti. I temi sono tanti e per tutti i gusti, dai minimalisti, a quelli chic, per arrivare perfino a qualche "tamarrata".

Senza voler rivendicare alcuna superiorità nel gusto estetico, abbiamo scelto tre temi che ci hanno colpito, vuoi per l'originalità vuoi per i colori, e abbiamo deciso di mostrarvi quanto sia facile passare da uno all'altro toccando solo qualche volta lo schermo e senza dover ricorrere a trasferimenti di file, cambi di configurazione del launcher, impostazioni di widget e molte altre cose che i lettori di Warp ormai hanno fatto proprie.

Il primo della nostra cernita è Pure White Radio che si presenta con una grafica pulita, con pochissimi colori (con forte predominanza della tonalità bianca) e un gusto leggermente retrò, come ad esempio la l'ora e la batteria che vengono raffigurati  come l'indicatore della frequenza delle vecchie radio e come i font, che sembrano presi da locali americani degli anni '50.

 

 

Alla prima pressione della player musicale ci viene chiesto quale vogliamo che sia il nostro riproduttore preferito, così come per ogni altra shortcut; questa Homescreen, nonostante sia "sgombra" e non abbia molte shortcut e widget si dimostra completa ed esaustiva durante la maggior parte dell'utilizzo, inoltre durante la nostra prova si è dimostrata ben reattiva.

Il secondo della nostra lista è invece App Tree 2 decisamente più colorato e "fitto" di shortcut rispetto al precedente, alla fine i collegamenti sono sicuramente superiori, ma per contro anche dopo diverse ore ci si ritrova a indugiare per qualche istante prima di tappare il cerchietto giusto o meglio, la foglia-app dell'albero presente nella Home.

 

 

L'ultima schermata, quella riguardante il drawer delle app è la vostra costante: infatti resterà sempre comune a tutti i temi, così come Categories e Favorites; volendo fare un riassunto in due parole di questo tema potremmo dire che è caotico ma originale.

L'ultimo della nostra scelta è anche quello che esteticamente ci ha colpito di più: stiamo parlando di Signage, Homescreen dai colori molto accesi, che vogliono emulare i colori delle luci a neon tipiche dei locali d'oltreoceano; questo tema, tutto da mostrare, è molto appariscente ma non sacrifica la funzionalità per l'estetica: vi ritroverete ad aprire facilmente la maggior parte delle vostre applicazioni senza molti "giri".

 

Come le altre due Homescreen vi chiederà alla prima selezione di una shortcut (sempre che non l'abbiate già impostata) l'app da associarvi, e le categorie Favorite (app) e Categorie sono identiche. Questo tema ha un difetto: che vi ritroverete spesso a risvegliare dallo stand-by lo schermo per rivedere questi neon dai colori sgargianti appoggiati sopra un vecchio muro, o per farne mostra agli amici (ma ci sono ancora persone con l'interfaccia stock e quel triste launcher di default?).

Scherzi a parte, Themer si dimostra uno strumento versatile, ma non ancora completamente maturo, infatti durante la nostra prova è capitato che nella home, prima dell'interfaccia apparisse solo lo sfondo e un cerchio con scritto "caricamento..." il che significa che in certi momenti la mancanza di una piena reattività va a penalizzare il vantaggio di una Homescreen esteticamente particolare o originale. Questo non significa che non dovete provare, anzi: cercate, provate e sperimentate, in poche parole...buona customizzazione a tutti, e fateci sapere che tema avete caricato sul vostro dispositivo Android.

P.S.: se vi state chiedendo dei 3 tap: 1 - Browse Themes, 2 - Categoria,  2 e mezzo - Tema, 3 - Tap finale per applicare il tema.

Commenta