La NSA contribuisce al codice di Android ma non c'è motivo per preoccuparsi

La NSA contribuisce al codice di Android ma non c'è motivo per preoccuparsi
Lorenzo Quiroli
Lorenzo Quiroli

Non staremo qui a spiegare ogni dettaglio del chi è e cosa fa la NSA, acronimo di National Security Agency, l'agenzia americana che ha messo in piedi il più grande sistema di spionaggio a danni di civili mai organizzato. Ebbene, sappiate che la NSA ha contribuito e ancora oggi contribuisce al codice di Android, come testimoniano vari commit nell'AOSP.

LEGGI ANCHE: Essere open source significa più sicurezza

Possiamo essere sicuri infatti dell'assenza di backdoor nel codice inserito dalla NSA, dal momento che è possibile vedere il codice proposto e non sarebbe molto intelligente cercare di avere accesso al nostro dispositivo in modo così palese. Anzi, non è la prima volta che l'agenzia americana fornisce il proprio contributo all'open source, dato che a suo tempo partecipò allo sviluppo di SElinux, presente ormai da più di 10 anni nel kernel di Linux.

Fonte: Chris Lacy

Commenta