7.0

ZTE Axon M, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione ZTE Axon M

Lo storico di recensioni di smartphone ZTE nel nostro sito non è particolarmente ampio e questo per un motivo ben preciso: l’azienda cinese non ha mai puntato in modo troppo importante sul mercato europeo per quanto riguarda i suoi smartphone. Qualcosa con Axon M è però sicuramente cambiato. È uno di quei prodotti che non solo non è rimasto un bellissimo concept ma che è anche arrivato sul mercato in tempi relativamente contenuti. E sì, anche in Italia.

LEGGI ANCHE: Migliori smartwatch

7.5

Confezione

La confezione di questo smartphone contiene un alimentatore per la ricarica rapida 12V/1.5A, un cavo USB/USB-C, un adattatore da microUSB a USB-C e un paio di discrete cuffie stereo con regolazione del volume sul filo.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

Appena preso in mano un Axon M un ricordo mi è tornato in mente: quando nell’epoca dei Nokia 8210 si prendeva in mano fieri un bel communicator della serie E. Prodotti importanti in termini di dimensioni e peso ma con in testa un target ben definito. È uguale con Axon M che pesa ben 230 grammi e ha uno spessore di 12,2 millimetri. In mano si riesce ad utilizzare abbastanza bene grazie ad uno schermo non troppo ampio e un profilo tagliente che non lo rende scivoloso, cosa invece del tutto falsa su di un piano, dove lo smartphone (totalmente piatto sul retro) tenderà a scivolare molto facilmente. Lo saprete già e non dovremo spiegarvelo: Axon M è dotato di un secondo schermo. Per questo motivo sul lato destro troviamo una cerniera circolare che non lascia spazio ai tasti, tutti posizionati sul lato sinistro. Il tasto di accensione contiene anche il lettore di impronte digitali.

È difficile valutare l’ergonomia da aperto. È possibile leggere un testo e scorrerlo anche con una mano sola, ma per tutto il resto vi serviranno due mani. Veramente ottima la cerniera che manterrà il dispositivo rigido anche se doveste sorreggerlo per la parte più sottile. L’ergonomia certo è scarsa nel complesso ma è il primo smartphone del genere in circolazione: vi aspettavate di usarlo come un iPhone SE? Sicuramente compensa l’ottima qualità costruttiva.

6.5

Hardware

ZTE ha scelto (forse per non rimandare il lancio?) di dotare questo Axon M di un processore Snapdragon 821 il top di gamma della scorsa generazione. Anzi, ormai di due generazioni fa. È un’ottima CPU ma non è certo l’ultima in circolazione. Abbiamo poi 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile utilizzando una microSD. Sufficiente la connettività: LTE fino a 600 Mbps, Bluetooth 4.2 e Wi-Fi ac, seppur non sia supportato (almeno al momento) il riconoscimento delle Wi-Fi a 5 GHz. Manca l’NFC, mentre è invece presente il led di notifica.

Il lettore di impronte digitali non ci ha convinto del tutto, il rilevamento non è dei più precisi, forse anche per colpa del software. L’audio invece è molto buono: non sarà il più fedele, ma il volume è più alto della media.

SCHEDA: ZTE Axon M

7.0

Fotocamera

La fotocamera di Axon M è da 20 megapixel ƒ/1.8. Era tanto che non trovavamo uno smartphone con una singola fotocamera ma qui il senso è quello di poter usare l’unica buona fotocamera di questo smartphone sia per i selfie che per le foto classiche, essendo dotato di due schermi per vederne l’anteprima. Le modalità di scatto sono varie e fra queste troviamo la lunga esposizione, il rallentatore, il panorama e anche la multi-esposizione. C’è anche una modalità manuale, seppur la sua interfaccia sia tutta in verticale. Troviamo anche le foto live in perfetto stile iOS. Ma come vengono le foto? Buone nel complesso, ma solo sufficienti per essere questo un top di gamma. Con buona luce le foto sono tranquillamente godibili, con un buon dettaglio e un discreto bilanciamento dei colori, seppur l’HDR automatico non sembra avere un grande effetto sul risultato finale.

Con meno luce le cose si complicano, la messa a fuoco è meno precisa e le immagini appaiono molto più rumorose e “gialle” del voluto. Con poca luce le foto sono ancora riutilizzabili sui social, ma difficilmente assoceremmo questa qualità ad un top di gamma. I video vengono registrati in 4K e non sono particolarmente stabilizzati. Su questo smartphone la stabilizzazione ottica avrebbe sicuramente giovato molto.

SAMPLE: Foto – Video

7.5

Display

ZTE Axon M è dotato di due display da 5,2 pollici con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel), portando quindi la risoluzione complessiva a 1920 x 2160 quando entrambi sono aperti. Il bilanciamento del colore è ok, ma i toni sono un po’ spenti e messo a fianco con un top di gamma 2017/2018 sicuramente apparirà più smorto. Anche la luminosità non è particolarmente alta e sopratutto con la luminosità automatica rimarrà sempre un po’ sotto quanto avremmo voluto.

7.0

Software

ZTE Axon M monta una versione di Android 7.1.2 Nougat sostanzialmente stock. Tra le funzionalità aggiuntive troviamo la possibilità di programmare il tasto fisico (quello che noi definiremmo il tasto della fotocamera) per la pressione prolungata. Il software arriverà poi con varie app TIM preinstallate che potrete però tranquillamente rimuovere. Le altre opzioni riguardano le gesture per le varie modalità di utilizzo del display o la taratura del colore dei due schermi nel caso il colore sia differente. Nel caso abbiate poi grossi problemi con le app “spalmate” sui due schermi potrete scegliere di impedire che ne venga forzata l’apertura sui due schermi.

Ma quali sono queste modalità di utilizzo? La prima è quella di “semplicemente” raddoppiare la dimensione del display utilizzando tutte le app a doppia risoluzione. È molto comodo con app come Google Maps o anche YouTube se vogliamo guardare il video su uno schermo e i commenti nell’altro. C’è una minima ripetizione del contenuto fra i due schermi (giusto pochi pixel). Non è un grosso problema e siamo sicuri che possa essere risolto con futuri aggiornamenti software. C’è poi la modalità divisa, che è forse la più utile. Potrete infatti avviare due applicazioni in multitasking ma a pieno schermo.

Infine la modalità replicazione che riporta su entrambi gli schermi lo stesso contenuto. Ottimo per guardare i film con la persona seduta davanti a voi in treno, tenendo il telefono poggiato in modalità “tenda”.

Nel complesso le prestazioni del software sono imperfette e nelle varie modalità di utilizzo con due schermi accesi potrete andare incontro a qualche strano rallentamento o potrete trovare qualche app “impazzita” che non si visualizza come vi aspettate. Si tratta di affinamenti software che speriamo di vedere nel promesso aggiornamento ad Android Oreo.

6.0

Autonomia

Axon M di ZTE è dotato di una batteria da 3180 mAh ed è supportata la ricarica rapida con il Quick Charge 3.0. La batteria ha una durata altalenante e con un utilizzo non conservativo del secondo schermo è molto difficile arrivare a fine giornata. Forse l’utilizzo di una CPU più recente avrebbe giovato in tal senso. Per fortuna i tempi di ricarica sono molto ridotti.

7.0

Prezzo

ZTE Axon M viene venduto in Italia a 899€ con TIM che lo propone anche in 30 rate da 20€, abbattendo il costo a 600€ e offrendo anche una interessante assicurazione sul prodotto. Si tratta ovviamente di un prezzo alto, ma è questo è sicuramente il capostipite di una nuova generazione di prodotti ed era impossibile immaginarsi un prezzo di lancio inferiore.

Acquisto

Potete acquistare ZTE Axon M sul sito TIM a 899€.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

ZTE Axon M

7.0

ZTE Axon M

ZTE Axon M è un telefono del futuro e come spesso accade per questa tipologia di prodotti il primo esemplare non è certo la massima espressione di questa novità. In questo caso parliamo di un software ancora un po' acerbo e nel complesso di caratteristiche inferiori agli altri smartphone di pari prezzo. Ma il prezzo in questo caso è per toccare con mano qualcosa di veramente nuovo. Ha i suoi limiti intrinseci ma questa novità del doppio schermo vista su Axon M è qualcosa che concretamente può rivoluzionare il mondo degli smartphone. Un vero appassionato di tecnologia (e non di scheda tecnica) ne ha già comprato uno.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Il doppio schermo è davvero utile
  • Il sistema di cerniera è ottimo
  • Tutte le modalità di uso hanno una loro utilità
  • Volume alto
Contro
  • Autonomia sottotono
  • Fotocamera non da top di gamma
  • Hardware datato
  • Softare ancora acerbo