8.3

Xiaomi Mi Note 2, la recensione (foto e video)

Xiaomi Mi Note 2 Emanuele Cisotti




Recensione Xiaomi Mi Note 2

Se per altre fasce di prezzo l’azienda cinese Xiaomi sembra non voler rallentare neanche un secondo, lo stesso non si può dire per la fascia più alta dove il nuovo phablet top di gamma dell’azienda si è fatto attendere per più di un anno (anche se per certi versi è quasi Mi5S Plus questo tanto atteso successore).

LEGGI ANCHE: Recensioni Xiaomi

7.0

Confezione

Xiaomi Mi Note 2 - 1

Nella confezione bianca di Mi Note 2 troviamo un alimentatore Quick Charge 3.0 12V/1.5A, un cavo USB-microUSB e una cover in plastica rigida trasparente.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

Xiaomi Mi Note 2 - 3

Xiaomi Mi Note 2 a primo impatto riporta alla mente il “fu Galaxy Note 7”, ma l’assenza sul mercato di quest’ultimo diminuisce sicuramente la percezione della maggior parte dell’utenza, che troverà sì dei “riferimenti”, ma nel complesso avrà per le mani un dispositivo particolare ed elegante. Il telefono è realizzato con un elegante frame in metallo scuro che va a rastremarsi sui bordi, dove i due vetri curvi si avvicinano fra loro. Questa è sicuramente una scelta stilisticamente vincente anche se ha un palese rovescio della medaglia: Mi Note 2 è scivoloso come pochi altri dispositivi. L’utilizzo ad una mano è fortemente sconsigliato.

9.0

Hardware

Xiaomi Mi Note 2 - 4

L’hardware è speculare rispetto a quello di Mi5s Plus. Abbiamo un potentissimo processore Snapdragon 821 quad core da 2,35 GHz e con una GPU Adreno 530. Abbiamo 4 GB di RAM (LPDDR4) e 64 GB di memoria interna (UFS 2.0) non espandibili. Le prestazioni di questo dispositivo sono eccezionali e per chi non si accontenta sarà disponibile anche una variante 6/128. Ottima la connettività, anche se con la “solita” sbavatura di sempre: l’LTE arriva fino a 600 Mbps, ma manca la banda 20 da 800 MHz. Il Wi-Fi è ac e supporta entrambe le frequenze, abbiamo il Bluetooth 4.2, il GPS assistito da GLONASS e anche l’NFC.

Xiaomi ha voluto poi mantenere la porta infrarossi sulla parte superiore del dispositivo, mentre ha spostato sulla parte frontale il lettore di impronte digitali, integrandolo all’interno di un tasto fisico (e touch). Lo sblocco è molto rapido e la precisione è buona. Infine lo speaker è posizionato sulla parte inferiore dello smartphone. L’audio è discreto e il volume è sopra la media, senza però averci stupito particolarmente.

SCHEDA: Xiaomi Mi Note 2

8.0

Fotocamera

Screenshot_2016-11-11-09-20-19-756_com.android.camera

La fotocamera principale fa un deciso balzo in avanti in termini di risoluzione arrivando a 22,5 megapixel. Si tratta sempre di una fotocamera con apertura ƒ/2.0 e con doppio led flash a doppia tonalità. Troviamo applicato anche lo stesso principio che sempre più aziende stanno abbracciando di recente, ovvero la stabilizzazione digitale dell’immagine, che permette di fare video stabili fino alla risoluzione di 4K (ma che invece è inutile per le foto). La messa a fuoco è precisa, rapida e lo scatto è anch’esso veloce. Le foto sono nel complesso buone e ricche di dettaglio. Anche l’HDR (che è spesso la bacchetta magica degli smartphone) lavora bene, anche se in molti casi tende a non attivarsi in automatico, se non in casi “estremi”. Sembra comunque nel complesso che Xiaomi abbia fatto un buon lavoro, ma non un eccelso lavoro e che si possa ancora lavorare sull’ottimizzazione del software per bilanciare meglio le luci e ridurre il rumore digitale. Le modalità di scatto non sono molte, ma fra queste troviamo anche quella manuale. Due note: la risoluzione per un bug torna in Full HD ad ogni riavvio e la lente soffra un po’ di lanse flare. Discreta anche la fotocamera frontale da 8 megapixel ƒ/2.0.

SAMPLE: FotoVideo

7.5

Display

Xiaomi Mi Note 2 - 6

Lo schermo è un buon 5,7″ AMOLED Full HD (1920 x 1080 pixel). La curvatura del display ai bordi è in realtà minima e l’effetto è in buona parte accentuato dal vetro curvo. Lo schermo è estremamente luminoso e con colori molto vivaci, tanto da stupire praticamente qualsiasi utente. Ci sono varie modalità di utilizzo per quanto riguarda l’intensità del contrasto, la temperatura di colore e il bilanciamento dei colori. Qualsiasi combinazione però non può azzerare il problema del display AMOLED “azzurro” che abbiamo riscontrato. Il problema è sempre visibile ma non particolarmente fastidioso: diventa però molto accentuato sui bordi (basta inclinarlo di poco) o inclinando tutto lo smartphone. Non è un problema invalidante, ma se avete l’occhio allenato lo noterete fin dalla prima accensione.

8.0

Software

Screenshot_2016-11-11-09-18-04-119_com.miui.homeScreenshot_2016-11-11-09-18-55-535_com.android.thememanager

Xiaomi Mi Note 2 è basato su Android 6.0.1 Marshmallow personalizzato con interfaccia MIUI 8. Il sistema è fluido e scattante in tutte le situazioni, oltre ad essere ampiamente personalizzabile, come da sempre ci abitua Xiaomi con i suoi sistemi. Come per praticamente tutti i dispositivi simili dell’azienda il sistema è in lingua inglese, ma con Play Store preinstallato e con pochi passaggi anche le app di terze parti in italiano. Tra le funzionalità principali troviamo la possibilità di ridurre l’interfaccia in un angolo per l’utilizzo ad una singola mano, il second space per avere un sistema parallelo privato totalmente separato dal primo e dual apps che invece permette di avviare una seconda istanza della stessa applicazione all’interno della nostra utenza principale. Non mancano gli innumerevoli temi, ma lo possibilità di gestire con precisione permessi e notifiche (qui spiegato come fare per riceverle tutte). Troverete poi le app Google preinstallate: è consigliato utilizzare queste piuttosto che le varie app in cinese del produttore.

8.0

Autonomia

La batteria è una 4070 mAh che garantisce risultati decisamente buoni. Con un utilizzo medio/blando riuscirete a fare due giorni pieni di autonomia, mentre anche stressandolo riuscirete comunque ad arrivare a fine giornata senza doverlo ulteriormente ricaricare. La MIUI è piena di ottimizzazioni per il risparmio energetica, ma anche disattivando queste funzionalità per le app preferite il risultato non cambierà particolarmente. Supportato poi il Quick Charge 3.0.

7.5

Prezzo

Xiaomi Mi Note 2 viene venduto a 512€ su Honorbuy: è quindi sicuramente uno dei prodotti più cari che Xiaomi abbia mai messo in commercio sino ad ora, ma ha un prezzo comunque inferiore ad altri top di gamma ufficialmente venduti in occidente.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

Xiaomi Mi Note 2

8.3

Xiaomi Mi Note 2

Xiaomi Mi Note 2 è sicuramente il più bello smartphone Xiaomi mai realizzato. Se vi piace il suo design (a noi piace molto) e siete disposti a soprassedere al prezzo più alto e al display un po' azzurro (ma comunque dai colori esplosivi e l'alta luminosità) questo Mi Note 2 vi piacerà. Altrimenti meglio risparmiare e passare a Mi5s Plus.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Bellissimo design
  • Hardware al top
  • Buone fotocamere
  • Software rapido e completo
Contro
  • Display marcatamente tendente all'azzurro
  • Scivoloso
  • Manca la banda a 800 MHz
  • Memoria non espandibile