8.0

Xiaomi Mi Max 2, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione Xiaomi Mi Max 2

Un anno fa Xiaomi lanciava sul mercato Mi Max un prodotto abbastanza particolare che strizzava l’occhio sicuramente al pubblico asiatico. Uno smartphone sì potente, ma sopratutto grande e che è uno dei pochissimi esponenti di quelli che ancora potremmo chiamare phablet, ovvero un mix fra smartphone e tablet. Oggi proviamo la versione aggiornata al 2017: Xiaomi Mi Max 2.

LEGGI ANCHE: Recensioni Xiaomi

6.5

Confezione

La confezione di Mi Max 2 è abbastanza scarna. All’interno troviamo solo un cavo USB-USB Type-C e un rapido alimentatore 12V/1.5A.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

Xiaomi Mi Max 2 è enorme. Ma acquistare uno smartphone che porta il termine Max nel nome e poi lamentarsi delle dimensioni sarebbe assurdo. Piuttosto ci piace porre l’accento sul fatto che, per quanto le dimensioni siano ovviamente importanti, lo smartphone sia comunque ben costruito (interamente in metallo) e dopotutto comodo da tenere in mano. Anzi: da tenere nelle mani, perché con una sola mano sarà davvero difficile utilizzarlo. I bordi sono più stondati nella media e lo rendono più gradevole al tatto. I tasti fisici sono posti sulla destra e si raggiungono abbastanza bene. Ci potrebbe volere un po’ di esercizio invece per raggiungere il lettore di impronte digitali posizionato sul retro in alto.

8.0

Hardware

Interessante l’hardware di questo Mi Max 2. Abbiamo un processore Snapdragon 625 octa core fino a 2 GHz con processore grafico Adreno 506 e 4 GB di RAM. Oltre a questo abbiamo anche 64 GB di memoria interna espandibili, come di consuetudine rinunciando alla possibilità di utilizzare una seconda SIM. La connettività è LTE fino a 300 Mbps, mentre manca ancora una volta la famigerata banda 20. Il Wi-Fi è ac e si connette quindi anche alle reti da 5 GHz e il Bluetooth è già aggiornato alla versione 4.2. Manca l’NFC ma a sorpresa troviamo invece sulla parte superiore la porta ad infrarossi, ormai una rarità. Presente anche la radio FM, il lettore di impronta digitali (molto rapido e preciso) e il led di notifica. Bene anche l’audio, che viene fornito stereo da una cassa inferiore e dalla capsula auricolare.

SCHEDA: Xiaomi Mi Max 2

7.5

Fotocamera

La fotocamera principale è una 12 megapixel ƒ/2.2. Non la più luminosa e non quella a risoluzione più alta. Si è comunque comportata bene quando parliamo di scatti con buona luce, riuscendo forse anche ad offrire qualche spunto in più rispetto ad altri prodotti simili. Con meno luce i limiti sono i più classici: più rumore digitale e colori meno pieni. Nel complesso si è comunque rivelata una buona fotocamera, anche grazie alle varie modalità di scatto: modalità notturna, manuale, modalità bellezza, panorama e selfie di gruppo. Parlando di selfie discreta anche la fotocamera frontale, peccato che scatti solo a 5 megapixel ƒ/2.0. I video vengono invece registrati in 4K 30 fps. La qualità è più che discreta ma comunque forse un po’ inferiore alla qualità fotografica.

SAMPLE: FotoVideo

8.0

Display

Lo schermo è da ben 6,44 pollici ed ha una risoluzione di 1920 x 1080 pixel. Benché la risoluzione possa apparire poi non così alta per un display così grande, la resa è sicuramente molto più che buona e il brillante display IPS di questo Xiaomi Mi Max 2 è sicuramente uno dei suoi punti di forza. Buoni anche gli angoli di visione e anche la luminosità, che si regola adeguatamente anche in automatico.

8.5

Software

Android è aggiornato alla versione 7.1.1 Nougat e nel nostro esemplare avevamo il firmware MIUI 8.5 Globale aggiornato costantemente nel periodo della nostra (lunga) prova. Utilizzare uno smartphone Xiaomi che non richiede nessun passo per l’utente per essere configurato è sempre una bella scoperta e questo Mi Max 2 non è stato da meno. Il software è totalmente localizzato in lingua italiana ed è dotato di Play Store. Tutte le altre specifiche del software MIUI sono immutate. Abbiamo i temi, il software per la sicurezza, la modalità ad una mano, il second space per creare una sessione privata dell’intero telefono e le dual app, per duplicare invece le singole applicazioni.

Lo smartphone è già configurato per non bloccare in automatico le app più importanti, ma vi conviene comunque perdere 5 minuti del vostro tempo e verificare che siano tutte incluse nella lista di avvio automatico per essere sicuri di ricevere tutte le notifiche. Il software è estremamente fluido, gradevole da utilizzare e, come sempre per la MIUI, pieno di chicche e sorprese che scoprirete soltanto nel tempo. Peccato per l’assenza del multiwindows che su un display di queste dimensioni sarebbe tornato comodo.

9.0

Autonomia

La batteria è da ben 5300 mAh e fa diventare questo Mi Max 2 un vero campione di autonomia. Con un utilizzo intenso non sarà impossibile arrivare a due giorni pieni con una singola carica, che possono diventare anche 3 se l’utilizzo è più parsimonioso. Considerando poi il risparmio energetico molto stringente della MIUI non mi stupirei se qualcuno riuscisse a caricarlo ogni 4 giorni.

8.0

Prezzo

Xiaomi Mi Max 2 viene venduto (con lingua italiana, firmware globale aggiornabile via OTA e Play Store) a 309€ su Honorbuy.it. Un prezzo sicuramente interessante per un prodotto di questo tipo, appartenente ad una categoria tutta sua.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

Xiaomi Mi Max 2

8.0

Xiaomi Mi Max 2

Xiaomi Mi Max 2 è praticamente una rarità nella sua categoria: smartphone così grossi difficilmente raggiungono il nostro mercato. Bel display, fotocamera discreta e buona qualità costruttiva. Non dimentichiamo poi l'ottima autonomia. Da noi è poi possibile acquistarlo già con un firmware in italiano.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Bel display
  • Buona qualità costruttiva
  • Ottima autonomia
  • Software completo ed in italiano
Contro
  • Manca l'NFC
  • Manca la frequenza a 800 MHz LTE
  • Si deve scegliere fra memoria espandibile e seconda SIM