9.1

Samsung Galaxy Note 4, la recensione (foto e video)

video Emanuele Cisotti -




Recensione Samsung Galaxy Note 4

La famiglia Note è stata inizialmente sinonimo di phablet. Adesso però che questa definizione è sdoganata, la famiglia Note ha acquisito un altro connotato. Ad oggi è stata l’eccellenza nel campo dei telefoni dalle grosse dimensioni, il massimo per quanto riguarda produttività e qualità. Mantenere alto un nome simile non è facile. Vediamo questo Note “quarta generazione” di cosa è capace.

7.5

Confezione

Samsung Galaxy Note 4 17 copy

La confezione di cartone di Note 4 contiene l’alimentatore da 2A, un cavo USB-microUSB, delle cuffie in-ear e tutti i suoi relativi adattatori. Purtroppo il cavo USB non è più di tipo 3.0 in quanto non più supportato dallo smartphone (il dispositivo però supporta ora la ricarica rapida).

8.0

Costruzione ed Ergonomia

Samsung Galaxy Note 4 5

Esteticamente Galaxy Note 4 non è certo una rivoluzione all’interno della famiglia dei phablet Samsung. La linea rimane ben riconoscibile e immutata e il retro ha una nuova trama, sempre finta pelle (è comunque plastica) che per fortuna perde le finte cuciture del terzo modello. Specialmente nella colorazione bianca da noi testata il retro ci ha ben poco convinto, ma rimane comunque un fattore abbastanza soggettivo. Il profilo è poi per la prima volta in metallo, ripercorrendo la strada di Galaxy Alpha. Al contrario di questo però la parte centrale è stata verniciata in plastica della colorazione dello smartphone. Rende forse il design più omogeneo, ma sicuramente fa spiccare meno la bellezza del metallo sui lati.

Frontalmente, parlando sempre di design, è bello il vetro che diventa più stondato sull’esterno, effetto comunque appena accennato e non particolarmente vistoso. Rassicuriamo chiunque avesse paura di “fessure” sulla cornice esterna. Niente di tutto ciò è presente e anzi, l’assemblaggio rimane un punto molto forte di questo dispositivo. Il passo in avanti rispetto all’anno scorso è importante, ma c’è ancora un ampio margine di miglioramento.

10.0

Hardware

Samsung Galaxy Note 4 12 copy

Note è spesso sinonimo di innovazione hardware. Benché si tratti certo di una rivoluzione, Note 4 quest’anno porta con se il nuovo processore Qualcomm Snapdragon 805, nella sua variante con quattro core da 2,7 GHz. In accoppiata abbiamo anche il nuovo processore grafico Adreno 420 e la RAM è sempre da 3 GB. La connettività raggiunge poi vette sorprendenti su questo Note 4: LTE fino a 300 Mbps (più veloce sulla carta di ogni concorrente), Wi-Fi a due bande, Bluetooth 4.1, NFC, uscita video MHL tramite microUSB, connettività Miracast, MirrorLink e anche GLONASS per i satelliti.

Lo speaker è stato spostato sul retro, sicuramente meno funzionale rispetto a Note 3, ma comunque dotato di un ottimo volume e una buona qualità audio (paragonabili ad S5). Non possiamo poi dimenticare la S Pen, adesso ancora più sensibile (e chiunque ha vuto un Note 3 noterà una notevole differenza) e con, sul dorso, il solito tasto funzione.

La memoria interna è da ben 32 GB ed è espandibile utilizzando una microSD. Rispetto a Note 3 guadagniamo anche due novità già viste in S5: il sensore di battito cardiaco e il lettore di impronte digitali. Il primo si arricchisce di nuove funzioni, fra cui il lettore di ossigeno nel sangue, il lettore del livello di stress e il lettore del livello UV. Il secondo vi permetterà di proteggere i vostri dati, sbloccare lo smartphone ed effettuare pagamenti con PayPal. Proprio come su S5, la precisione di lettura è ottimale, ma il gesto per utilizzarlo (ovvero scorrere il polpastrello verso il basso) non è pratico e non è realizzabile con una sola mano. Quasi a voler trovare necessariamente un difetto hardware a questo Note 4, segnaliamo come sia assente la radio FM.

SCHEDA: Samsung Galaxy Note 4

9.0

Fotocamera

Screenshot Samsung Galaxy Note 4 1

La fotocamera di Samsung Galaxy Note 4 è una 16 megapixel con led flash, ma non è ISOCELL, come su S5. L’interfaccia di scatto è molto simile, ma è stata ancora limata (e speriamo che anche S5 godrà dello stesso aggiornamento in futuro) per rendere più chiare le opzioni, più semplice raggiungerle e sono state anche rimosse altre funzionalità di scatto, relegandole quasi tutte al download facoltativo. La qualità degli scatti ci ha decisamente colpito in positivo, regalandoci praticamente in ogni occasione scatti ricchi di dettagli, dai colori fedeli e altamente “riutilizzabili”. I video sono registrabili anche in 4K (ma in questo caso si perde la stabilizzazione ottica dell’immagine). Le uniche immagini un po’ più deboli sono quelle al buio, dove però anche la concorrenza non fa molto meglio.

La funzionalità di sfocatura sembra essere stata affinata in questa variante software e, finalmente, anche la galleria è degna della suite di software Samsung, risultando molto fluida in ogni occasione, anche con la sincronizzazione con i servizi di cloud attivi. Al suo interno è presente un’ottima funzione di riconoscimento delle scene e un ottimo software Studio, per applicare simpatici effetti. Fra le mancanze segnaliamo l’assenza dell’HDR continuo e l’impossibilità di registrare video in slow motion con audio e di editarli successivamente.

SAMPLE: Foto – Video (1080p4KSlow motion)

9.5

Display

Samsung Galaxy Note 4 13 copy

Lo schermo è un incredibile QHD (ovvero 2560 x 1440 pixel) da 5,7 pollici. La dimensione non è aumentata rispetto a Note 3, ma è invece aumentata la risoluzione, rendendo impossibile distinguere in pixel, non solo a distanza normale, ma anche avvicinandosi al display. Se vi state chiedendo la reale utilità di uno schermo a risoluzione così alta, siete in ottima compagnia, ma poiché la fedeltà dei colori, la luminosità e l’autonomia (come vedremo dopo) non ne vengono intaccate, non possiamo che apprezzare questo aggiornamento. La luminosità automatica funziona ottimamente e abbiamo sperimentato una funzionalità, non documentata nelle opzioni, che schiarisce lo schermo ed alza la luminosità quando il display è colpito da luce diretta del sole. Il risultato è che lo schermo è perfettamente visibile sempre (a scapito della fedeltà dei colori, ma sempre meglio che non vederci, no?).

La risposta al touch è rapida, come anche la risposta della S Pen sul display, che supporta adesso un numero molto più ampio di livelli di pressione sullo schermo. Lo schermo è in tecnologia SuperAMOLED, ma ci sentiamo finalmente abbastanza tranquilli nell’affermare che questi display (se ben realizzati, come in questo caso) sono adatti ad ogni tipo di gusto personale, anche grazie alle varie regolazioni presenti nelle opzioni.

9.5

Software

Screenshot Samsung Galaxy Note 4 13

Anche nel comparto software Samsung ha compiuto degli enormi salti il avanti. Sia dal punto di vista di estetica, che di funzionalità, che di organizzazione. Il software è aggiornato alla versione 4.4.4 KitKat di Android e gode già di un multitasking a schede che ricorda quello di Android 5.0 Lollipop. Elencare ogni funzione software di questo telefono è impossibile, ma benché potreste sentirvi ancora un po’ spaesati nelle impostazioni, rispetto a S5 e Note 3, abbiamo una importante riorganizzazione che vi permetterà di trovare quello che cercate un po’ più rapidamente. Razionalizzate anche le funzionalità del multiwindows, riducendo il bisogno di aprire il pannello laterale (che perde la linguetta) e permettendovi di ridurre a finestra l’applicazione già aperta con un gesto e di fare lo stesso anche con le app aperte nel multitasking.

Presente (e migliorato) S Finder per la ricerca globale e il menù Connessione Rapida, come anche è ancora presente il download booster, il risparmio energetico avanzato, la modalità di blocco (per non essere disturbati in certi orari) e la modalità privata per dividere contenuti “sensibili” dal resto del telefono. Segnaliamo poi come S Health adesso goda di un numero di funzioni ancora maggiore e di come S Voice adesso sia attivabile anche a schermo spento, anche con una frase personale e come abbia assunto nel tempo una maggiore naturevolezza nel comprendere le nostre frasi.

E non è finita qui, accedendo al GALAXY APPS (lo store Samsung per la app) potrete scaricare gratuitamente software come Hancome Office, SketchBook e Soundcamp. Il primo è probabilmente il miglior software di gestione di documenti Office al momento presente su Android, il secondo è un’ottima app semi-professionale per disegnare e l’ultima è una DAW per musicisti che supporta anche l’audio USB a bassa latenza e gli strumenti midi.

FOCUS:

Software: Browser

Screenshot Samsung Galaxy Note 4 21

Il browser è sempre stato un punto debole dell’ottimizzazione software di Samsung, ma per fortuna in questo Note 4 possiamo dirci veramente soddisfatti appieno delle prestazioni del software.

Software: Multimedia

Screenshot Samsung Galaxy Note 4 22

Se quello che vi abbiamo elencato in precedenza non vi dovesse bastare sappiate che il lettore musicale e quello video rimangono due ottimi software di cui godere nell’utilizzo quotidiano. Manca solo la radio FM.

8.5

Autonomia

Screenshot Samsung Galaxy Note 4 18

La batteria da 3220 mAh ci aveva fatto iniziare il test con qualche pregiudizio e con la paura che il nuovo schermo QHD avrebbe consumato troppo per questo smartphone. E invece, nonostante la capacità della batteria sia praticamente immutata rispetto a quella del Note 3, siamo rimasti stupefatti dall’ottimizzazione ergetica di questo terminale che in condizioni relax, come può essere un finesettimana con qualche foto, un po’ di video e un po’ di gaming, supera con margine le due giornate complete, mentre con un uso stress vi porterà al momento di andare a dormire sempre con un po’ di carica residua. Nei nostri test non siamo mai dovuti ricorrere a nessun tipo di risparmio energetico e ci piace quindi vedere questo Note 4 come un dispositivo che in situazioni di “emegenza” potrebbe regalarci soddisfazioni ancora più grandi.

6.0

Prezzo

Per qualcuno potrà sembrare una “fregatura”, per altri il prezzo equo da pagare per un computer in miniatura. Fatto sta che 769€ non sono affatto pochi. Se però c’è un telefono che si merita di costare più di tutti gli altri, questo è sicuramente Note 4. Che poi tutti i prezzi siano troppo alti, beh, questo è tutto un altro discorso.

Acquisto

Trovate Note 4 in oro, nero e bianco, con garanzia Italia a 729€ su ePRICE.

Confronti e speciali

Benchmark

benchmark samsung galaxy note 3

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Note 4

9.1

Samsung Galaxy Note 4

Se lo sforzo di design non è stato eccessivo (noi porremmo la variante bianca in fondo alla lista dei colori), rimangono solo due criticità che vi possano dividere dall'acquisto: il prezzo e le dimensioni. Superati questi due ostacoli, vi consigliamo di non avere pregiudizi verso il software Samsung e di lasciarvi persuadere dall'ottimo schermo, dall'ottima fotocamera e dall'ottima autonomia di questo phablet. Note 4 è sicuramente il miglior smartphone Android che i vostri soldi possano comprare.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottimo schermo QHD
  • Ottima fotocamera
  • Autonomia eccellente
  • S Pen è un vero plus
  • Software ricco di funzionalità realmente utili
Contro
  • Il design non stupisce
  • Potrete ancora perdervi fra le opzioni
  • Speaker sul retro
  • Non resistente a polvere ed acqua