8.5

Samsung Galaxy Note 3 Neo, la recensione (foto e video)

video Emanuele Cisotti -




Recensione Samsung Galaxy Note 3 Neo

Ammettiamo fin da subito che il modo in cui Samsung applica la nomeclatura ai suoi prodotti, inizia a diventare un mistero sempre più nebuloso anche per noi. Dando (vagamente) per scontato che Neo si riferisca ad una variante più economia, ecco allora che è arrivato il momento di provare a fondo il nuovo Galaxy Note 3 Neo, variante leggermente più compatta del famosissimo Galaxy Note 3.

7.5

Confezione

La confezione di Note 3 Neo è del tutto uguale a Note 3. Abbiamo lo stesso alimentatore da 2A (che si traduce in “ricarica veloce”), le stesse cuffie in-ear con i vari gommini e le stesse punte di ricambio per la S Pen. L’unica differenza è nel cavo USB-microUSB che qui è necessariamente 2.0 visto che questo Neo non supporta l’USB 3.0.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Sono cambiate alcune piccole scelte di design

Il primo motivo per cui si potrebbe pensare di optare per questo Note 3 Neo, rispetto a Note 3 (il confronto fra i due nasce spontaneo in moltissime occasioni) è comunque un passo avanti in quanto a comodità nel portarlo in giro tutti i giorni. Certo, sulla carta i millimetri risparmiati non sono poi così tanti (parliamo di circa 2 millimetri di larghezza e 3 di altezza), ma bastano per convincere chiunque preferisca la portabilità a scegliere questo, piuttosto del modello “standard”. Ma non fraintendeteci, Note 3 Neo è comunque ancora un tablet e non uno smartphone con il pennino. Sono cambiate alcune piccole scelte di design, ma nel complesso i due dispositivi hanno molto in comune, ed ad un occhio meno esperto sarà difficile distinguerli. Il retro è sempre in finta pelle (nel senso di “plastica”) e il bordo è ancora argentato. In mano lo smartphone ha un ottimo grip, anche se l’utilizzo a due mani è quasi obbligatorio.

8.0

Hardware

Samsung Galaxy Note 3 Neo 04

Se “esteriormente” sono poche le differenze fra i due modelli, molto di più è cambiato sotto la scocca. Il processore è adesso un Exynos Esa-Core (ovvero a 6 core) 5260. Parliamo di una CPU quad core da 1,3 GHz (Cortex A7) e una più recente dual core Cortex A15 da 1,7 GHz. Uno sostituisce l’altro solo in situazioni di reale bisogno, in modo da diminuire il fabbisogno energetico. La RAM è da 2 GB e la memoria interna, espandibile tramite microSD è da 16 GB. La CPU (una novità sul mercato) è performante e sembra offrire, nel complesso, prestazioni migliori di quanto avesso visto sui precedenti processori ad 8 core di Samsung. Molti sono i sensori presenti poi sullo smartphone, ma Note 3 “originale” rimane inarrivabile. Abbiamo ovviamente i sensori più comuni affiancati da altri più particolari, come quello di prossimità per le air gestures, ma ne mancano altri come il sensore di temperature o il barometro. È presente NFC e la Wi-Fi supporta le due bande.

Impossibile poi non citare ovviamente la presenza della S Pen, che ci permetterà di prendere appunti, o di utilizzare molte funzioni avanzate che vedremo di seguito.

SCHEDA: Samsung Galaxy Note 3 Neo

8.0

Fotocamera

La fotocamera è da 8 megapixel (era da 13 su Note 3 se ve lo steste chiedendo) ed è dotata di led flash. La fotocamera frontale è da 2 megapixel, mentre i video della cam principale si possono registrare “solo” a 1080p e non in 4K come il fratello più grande. La qualità delle foto non è da record, ma per fare un paragone un po’ a “spanne” è paragonabile probabimente alla fotocamera di S4. Buona quantità di dettagli, buona luce e con l’HDR attivo una gamma dinamica così ampia da realizzare degli scatti molto interessanti.

SAMPLE: FotoVideo

8.5

Display

Samsung Galaxy Note 3 Neo 01

Sulla carta la differenza di schermo di questo Note 3 Neo, rispetto al “big brother” è minima. Abbiamo a che fare con uno schermo da 5,5 pollici, comunque enorme, per essere uno smartphone. Ok per essere un phablet. Lo si potrebbe descrivere come: ampio, ben definito, molto luminoso (ma meno di Note 3 e altri top) e con colori molto contrastati. Questo perché lo schermo è un SuperAMOLED HD. Per chi però non ama gli schermi troppo “colorati” non sarà però possibile modificare la tonalità del colore come invece accadeva sul precedente modello.

9.0

Software

2014-05-05 09.25.512014-05-05 09.27.00

Vi mentiremmo se vi dicessimo che dal software sia possibile distinguere rapidamente un Note 3 da un Note 3 Neo e questo non è sicuramente un male (per quest’ultimo). Le differenze, tanto per chiudere qui il discorso “confronto” riguardano sopratutto le mancanze hardware del Neo e il fatto di non essere aggiornato a KitKat (non che sia stata una rivoluzione). E proprio come per il fratello maggiore, elencare tutte le features di questo dispositivo richiederebbe una tesi di laurea. Sommariamente il sistema è comunque sempre la “solita” TouchWiz (prima dell’avvento di S5) e abbiamo quindi il multiwindows, la modalità semplificata (detta Facile), la modalità di blocco per non essere disturbati la notte, la funzione di utilizzo ad una mano, Air View / Air Command per utilizzare lo smartphone senza toccarlo e lo schermo intelligente che rimane acceso solo se osservato.

Ma la vera “potenza” di questo dispositivo risiede nella S Pen che offre esattamente le stesse funzionalità viste sull’altro modello e ci permette, grazie ad un menù accessibile premendo il tasto sulla penna, di eseguire operazioni avanzate, in modo molto rapido. Possiamo per esempio realizzare un memo al volo (e convertire indirizzi e numeri di telefono, nelle relative funzioni), possiamo realizzare un ritaglio di qualsiasi applicazione stiamo utilizzando e raccoglierle in un album, possiamo prendere appunti sullo schermo e anche aprire applicazioni all’interno di una finestra, che abbiamo disegnato con il tratto della S Pen. Poiché, come già detto, le funzionalità sono identiche a quelle di Note 3 vi lasciamo ai relativi focus realizzati sull’altro modello.

FOCUS: KnoxUtilizzo con una manoMultiwindowMy MagazineS Pen

Nel complesso abbiamo quindi a che fare con un sistema molto potente perché completo sotto ogni punto di vista (sono poche le funzionalità che rimpiangerete dalla concorrenza), ma che avrebbe ancora un po’ bisogno di una rifinitura dal punto di vista estetico. Speriamo quindi che l’aggiornamento a KitKat (o uno futuro) possa portare almeno l’interfaccia di S5 su questo Note 3.

Software: Browser

Il software Samsung è spesso citato come uno dei migliori esempi sotto vari aspetti, ma a volte fra questi la fluidità del browser non è presente. Questo perché non tutti gli smartphone sembrano aver avuto un’ottimizzazione come dovuto. Note 3 era esule da questi problemi e in buona parte lo è anche questo Note 3 Neo. Nonostante il processore meno performante i risultati sono stati a nostro giudizio molto soddisfacenti.

Software: Multimedia

Il comparto multimediale è sotto moltissimi aspetti identico a quello di Note 3. Molto buono il lettore audio e allo stesso modo molto completo anche il player video che gode della funzionalità per portare il video in sovraimpressione e tenerlo “di compagnia” mentre eseguiamo qualsiasi altra operazione.

4.5

Autonomia

L’autonomia di questo Note 3 Neo, anche grazie alla batteria da ben 3100 mAh è una buona conferma. Con un utilizzo molto intenso arriverete comunque a fine serata, mentre con un utilizzo medio potreste riuscire a coprire due giorni lavorativi (magari non arrivando fino alle mezzanotte successiva). Questo è sicuramente uno smartphone per chi soffre dalla sindrome da ricarica compulsiva.

Prezzo

Il prezzo di lancio di questo Note 3 Neo lascia quantomeno perplessi (per usare un eufemismo edulcorato). Si parla di 599€ come prezzo ufficiale, che però si è abbassato ad una velocità mai vista prima, anche solo per poter reggere il confronto con Note 3. Ma visto che, come al solito, noi diamo il voto al prezzo di lancio, questo non può che essere non sufficiente.

Acquisto

Come abbiamo detto nella voce relativa al prezzo i prezzi sono andati in picchiata fin dal giorno del lancio. Ed è così che il Note 3 Neo con garanzia Italia che abbiamo provato è in vendita a 399€ su ePRICE. Si può risparmiare altri 30€ (369€ quindi) acquistandolo con garanzia Europa.

Benchmark

Benchmark Samsung Galaxy Note 3 Neo

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Note 3 Neo

8.5

Samsung Galaxy Note 3 Neo

Samsung Galaxy Note 3 Neo è un dispositivo di grande qualità e l'esperienza che abbiamo avuto nel periodo di test è assolutamente positiva. La sua posizione è "difficile" da valutare essendo un fratello piccolo di Note 3, ma poi, dopotutto, neanche così piccolo. Se la domanda "che senso ha questo smartphone?" può nascere spontanea, noi vogliamo ribaltarla con "che senso ha acquistare un Note 3?" visto il prezzo molto basso a cui si trova questo Neo. È la dimostrazione in parte di come sia possibile spendere meno e avere comunque un ottimo phablet con tutte le funzionalità più avanzate del suo fratello big. L'acquisto da parte nostra è quindi consigliato e rimandiamo un confronto più diretto con Note 3 in un articolo futuro.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Fotocamera interessante
  • Tutte le funzioni del Note 3
  • La flessibilità della S Pen
  • Ottima autonomia
Contro
  • Prezzo di lancio troppo alto
  • Non si distingue da un Note 3
  • È la "vecchia" Touchwiz
  • Fotocamera un po' lenta