8.7

LG G6, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione LG G6

LG ha una tradizione di smartphone top di gamma di qualità, apprezzati da molti, ma che non hanno lasciato il segno abbastanza da garantire all’azienda una continuità e un family feeling fra un prodotto e l’altro. Oggi vi parliamo di G6 l’ultimo nato fra i top di gamma di LG.

LEGGI ANCHE: Recensioni LG

Confezione

La confezione di questo G6 contiene al suo interno un alimentatore 9V/1.8A e un cavo USB-USB Type-C. Nella confezione di vendita ci saranno anche delle cuffie stereo che però non abbiamo potuto provare.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

LG G6 mantiene alcune delle scelte di design del passato (come il blocco delle fotocamere) ma in questo G6 ha praticamente ripensato quasi ogni scelta stilistica, abbandonando componenti modulari, strane protuberanze e curvature della scocca. Abbiamo una scelta forse più conservativa ma che allo stesso tempo punta ad essere anche più solida e più concreta. Abbiamo un corpo in metallo opaco e un vetro posteriore in vetro leggermente curvo che include al suo interno le fotocamere ed il lettore di impronte che è anche il tasto di accensione.

LG G6 in mano appare solido, ma non per questo sgraziato o pesante (in termine di grammi sono 163). Certo il bordo laterale con taglio abbastanza netto non lo fa apparire particolarmente sottile (come poi in realtà è), ma il formato “stretto e lungo” è sufficiente a rendere comodo in mano lo smartphone, nonostante lo schermo dalle dimensoni importanti. Se poi aggiungiamo anche il fatto che quest’anno lo smartphone è resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP68 possiamo considerare G6 come un cambio di rotta deciso ma ponderato.

8.0

Hardware

Conservativa e nonconcreta anche la scelta di un hardware basato sulla migliore CPU della scorsa generazione di smartphone: Snapdragon 821 quad core da 2,35 GHz. Per essere precisi in questo momento la CPU è ancora la più potente disponibile in cirolazione da parte di Qualcomm, visto che Snapdragon 835 non è disponibile (nel momento in cui scriviamo) su nessun dispositivo commerciale. Abbiamo un processore grafico Adreno 530, 4 Gb di RAM e 32 GB di memori interna espandibile tramite una microSD.

Buona la connettività: LTE 600 Mbps, Wi-Fi ac a doppia banda e Bluetooth 4.2. Presente anche l’NFC e il GPS assisstito da GLONASS. Infine chiudiamo con la presenza della radio FM e del lettore di impronte digitali sul retro, molto rapido nello sblocco e preciso nel riconoscimento. Peccato per l’assenza del supporto al nuovo Bluetooth 5.0. Lo speaker è posizionato sul bordo inferiore e ha un buon volume e una qualità, seppur non perfetta, nella media per la categoria top.

SCHEDA: LG G6

8.5

Fotocamera

In piena concordanza con quanto fatto in questo G6, anche il suo comparto fotografico è stato stravolto pur mantenendo il paradigma della doppia fotocamera. Questa dualità permette all’utente finale di scegliere fra una fotocamera principale con stabilizzatore ottico dell’immagine e apertura ƒ/1.8 o una “secondaria” grandangolare con apertura ƒ/2.4. Questa fotocamera rinuncia anche alla stabilizzazione e all’autofocus, rendendola decisamente meno utile con poca luce, ma permettendovi di catturare un campo di visuale così ampio da farvi dimenticare di questi difetti. E finalmente, rispetto allo scorso anno, entrambe le fotocamere scattano a 13 megapixel. Scompare anche il sensore spettro colore e il laser autofocus. Se con buona luce la velocità di messa a fuoco è anche aumentata, ne sentirete invece un po’ la mancanza con poca luce dove la messa a fuoco è imperfetta.

Il software di scatto è completo e adesso si arricchisce di nuove funzionalità artistiche o funzionali per sfruttare lo schermo in 18:9, considerando che a 13 megapixel le foto vengono realizzate in 4:3. Abbiamo trovato gli scatti quadrati simpatici, ma comunque un’aggiunta che raramente vi ritroverete ad utilizzare. La qualità della fotocamera è molto buona e cattura un buon numero di dettaglio anche con poca luce, permettendovi di godere sempre di foto di qualità. Molto bene anche la fotocamera grandangolare che compensa la sua minore qualità con foto affascinanti e impossibili da fare con altri smartphone.

Buoni anche i video in 4K: anche qui potrete usare indistintamente le due fotocamere, con le stesse considerazioni viste sopra. Buono anche l’audio catturato e ottima la messa a fuoco continua. Presente ancora una volta l’ottima modalità manuale nei video (e ovviamente anche nelle foto). La fotocamera frontale da 5 megapixel fa invece quello che può e ha un buon grandangolo per catturare più contenuto in ogni scatto. Nel momento storico dei selfie forse si poteva fare qualcosa in più.

SAMPLE: FotoVideo

9.0

Display

Parte della rivoluzione di LG G6 sta nel suo schermo da 5,7 pollici. Si tratta di un display IPS a risoluzione QHD+ (2880 x 1440 pixel) e in formato 18:9. Questo si traduce in uno schermo molto ampio ma che non significa necessariamente avere anche uno smartphone enorme e difficile da utilizzare. Lo schermo è poi luminoso, con una buona luminosità automatica e con colori neutri e ben tarati, che non possono essere variati. Lo schermo ha poi gli angoli stondati, che oltre ad avere un loro fascino dovrebbero, secondo le parole di LG, permettere allo schermo di reggere meglio eventuali cadute dello smartphone.

Il display di G6 supporta poi Dolby Vision (ovvero HDR10) e ha a disposizione l’Always-On Display per notifiche e orario sempre visibili. Non manca la “vista confort” per poter leggere senza affaticare la vista durante le ore serali.

8.0

Software

All’interno di LG G6 troviamo Android alla versione 7.0 Nougat con la personalizzazione della LGUX 6.0. L’interfaccia è gradevole e dalle impostazioni è possibile personalizzare vari aspetti, partendo dal tema e arrivando a dimensione e font del carattere di sistema. Rispetto al passato non troviamo particolari novità se non l’introduzione del multiwindow dovuto all’aggiornamento all’ultima versione di Android. Abbiamo poi la possibilità di personalizzare i tasti di sistema, LG Health per il fitness e QSlide per aprire alcune applicaizoni (sempre poche purtroppo) in una finestra flottante. Presente poi ancora una volta Caputre+ che permette di prendere appunti al volo su qualsiasi schermata venga avviato.

È possibile infine scegliere di ripristinare il drawer delle applicazioni dalle impostazioni. Nell’utilizzo quotidiano sia l’interfaccia che le varie applicazioni non mostrano rallentamenti di sorta.

8.0

Autonomia

La batteria di LG G6 è una 3300 mAh non removibile. Purtroppo si perde la possibilità di sostituire la batteria, guadagnando però, come già detto, in vari altri campi, fra cui la batteria stessa, adesso più corposa. L’autonomia garantita è in linea con le nostre aspettative (conoscendo ormai anche bene quanto può offrire in tal senso il rodato Qualcomm Snapdragon 821). Si riesce ad arrivare precisi a fine giornata con una sola carica dello smartphone se utilizzato in modo intenso. Qualcosa in più se farete un utilizzo più blando del dispositivo. Sempre supportata la ricarica rapida Qualcomm.

6.5

Prezzo

LG G6 viene lanciato in Italia a 749€. Il prezzo è sicuramente alto ed è ancora più alto rispetto allo scorso anno. Certo ci sono smartphone che costano di più, ma allo stesso tempo ci troviamo un po’ in difficoltà a giustificare questo ulteriore aumento di prezzo. A questo punto tifiamo anche noi per un pronto ribasso di prezzo.

Acquisto

LG G6 è disponibile in preordine su Amazon a 749€ nei colori nero, bianco e argento.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

LG G6

8.7

LG G6

LG G6 è un telefono concreto, solido e che non si perde in fronzoli. Punta sulla sua qualità costruttiva, sul nuovo grande schermo in formato tascabile e sul rafforzamento della sua idea di dual camera (altro che effetti sfocatura 3D!). I puristi potrebbero storcere il naso per un hardware inferiore sulla carta alla concorrenza, ma nell'esperienza quotidiana non sono molte le differenze che potreste notare. G6 è il top di gamma per chi cerca qualcosa di diverso dal "solito".

Pro
  • Ottima fotocamera
  • Ampio display in un piccolo corpo
  • Solido e robusto
  • Resistenza ad acqua e polvere
Contro
  • Alcune scelte (hardware) sono un po' conservative
  • Prezzo di lancio un po' alto
  • Il software non offre novità di rilievo
  • La fotocamera grandangolare soffre la poca luce