8.7

HTC U11, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione HTC U11

La storia di HTC su Android è costellata di grandi successi, anche se il recente passato dell’azienda ha dimostrato come mantenere una posizione di rilievo ci voglia particolare dedizione. HTC 10 lo scorso anno è stato un gran prodotto, fra i più interessanti dell’anno, ma sembra non aver fatto dimenticare agli utenti alcune scelte meno vincenti, come HTC One A9, HTC One M9 o HTC U Ultra. Vediamo se HTC U11 è riuscita invece nell’intento di far tornare HTC ai fasti di un tempo.

LEGGI ANCHE: Recensioni HTC

8.0

Confezione

La confezione di HTC U11 contiene al suo interno un alimentatore per la ricarica rapida 12V/1.25A, un cavo USB-USB Type-C, un adattatore da Type-C a jack audio da 3,5 mm, un paio di cuffie stereo con soppressione del rumore attiva (realizzata via hardware dal telefono) e una cover il plastica rigida trasparente.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

HTC U11 mantiene quasi inalterato il nuovo design dell’azienda visto con HTC U Ultra: profilo metallico dello stesso colore del pannello in vetro posteriore, leggermente curvo per seguire la forma della mano e realizzato con una tecnologia che lo rende particolarmente riflettente. L’effetto è secondo noi vincente perché crea qualcosa di unico e crea un nuovo stile praticamente mai visto sugli smartphone. Il prezzo da pagare è quasi ovvio: le impronte rimangono con grande facilità sul retro e per tenerlo sempre “scintillante” dovrete pulirlo di tanto in tanto. Lo smartphone ha delle cornici attorno al display non particolarmente ridotte e nel complesso il design frontale è decisamente più anonimo di quanto visto invece sul retro.

I tasti fisici sul lato destro si raggiungono bene e il tasto di accensione ha la stessa trama a righe. Una gradita novità è la presenza della resistenza ad acqua e polvere secondo lo standard IP67, portando HTC ad adeguarsi ad altri top di gamma di rilievo di quest’anno.

9.0

Hardware

 

HTC ha incluso in questo U11 dell’hardware eccellente. Abbiamo l’ultimo processore Snapdragon 835 octa core da 2,45 GHz, 4 GB di RAM LPDDR4X e 64 GB di memoria interna UFS 2.1. L’azienda poi sceglie anche di non rinucniare all’espandibilità della memoria, utilizzando uno slot ibrido che in alternativa permette all’utente di utilizzare anche una seconda SIM. HTC è quindi l’unica azienda “classica” fra le big ad offrire un top di gamma dual SIM in Italia. Ottima la connettività: LTE gigabit fino a 1024 Mbps, Wi-Fi ac a doppia banda, Bluetooth 4.2 e NFC.

Non manca il led di notifica e un fulmineo lettore di impronte digitali frontale. Molto buono poi lo speaker stereo (il secondo speaker è nella capsula auricolare) che recupera un po’ di terreno perso in passato. Lo smartphone è poi dotato di ben 4 microfoni per la registrazione audio 3D. Sempre parlando di audio purtroppo svanisce il jack audio da 3,5 millimetri. Questo però ha spinto l’azienda ad introdurre un sistema di rimozione del rumore attivo integrata nello smartphone che funziona con le cuffie in dotazione.

Chiudiamo la carrellata hardware con la funzionalità di “strizzamento” del telefono (dal nome Sense Edge): funziona bene ed è programmabile, ma per quanto sia una funzionalità simpatica da mostrare agli amici, un tasto fisico sarebbe forse stato meglio.

SCHEDA: HTC U11

9.0

Fotocamera

L’azienda ha puntato molto sulla fotocamera quest’anno e la dimostrazione è anche la mossa pubblicitaria di far sapere al mondo che U11 è in cima alla classifica di DxOMark, ancor prima che venisse commercializzato. Si tratta di un singolo sensore da 12 megapixel con tecnologia Ultrapixel (quindi pixel più ampi), apertura ƒ/1.7 e stabilizzazione ottica dell’immagine. Il software è abbastanza classico e non introduce grandi novità. Abbiamo l’HDR automatico (adesso chiamato anche HDR Boost), un autofocus fulmineo e anche lo scatto in RAW. La qualità fotografica è risultata poi effettivamente ottima e viene giustificato in pieno il punteggio molto alto assegnato da DxOMark (ottima indicazione, ma a volte troppo “analitica”). Buona definizione, HDR efficace ma non “invasivo”, colori ben tarati e anche scatti luminosi al buio. Dove ovviamente anche il rumore digitale prende il sopravvento, U11 riesce comunque a tirare fuori foto godibili e più luminose della concorrenza.

Bene i video, che possono essere registrati fino alla risoluzione di 4K. La stabilizzazione è discreta anche se non arriva ai risultati di altri concorrenti. Buono l’audio 3D ed è ora presente una modalità di zoom audio che aumenta il volume nella direzione dello zoom. Gradita novità anche la registrazione video in slow motion a 120 fps adesso in Full HD.

Non male anche la fotocamera frontale da 16 megapixel ƒ/2.0 che perde la stabilizzazione ottica, ma offre comunque una buona risoluzione e offre funzionalità come il selfie panoramico, l’auto selfie e il live makeup per abbellirvi il volto.

SAMPLE: FotoVideo

9.0

Display

HTC U11 è dotato di un display da 5,5 con risoluzione di 2560 x 1440 pixel (WQHD) e tecnologia Super LCD 5. Si tratta del solito ottimo e brillante schermo a cui HTC ci ha abituato ogni anno. I colori sono ben tarati ed è possibile modificare la temperatura colore dal display, oltre ad attivare la modalità notturna per leggere senza affaticare la vista. Bene anche la luminosità (alta all’esterno) e la sua regolazione automatica. Peccato solo non ci sia una piattaforma VR per sfruttare davvero questa alta risoluzione.

7.5

Software

HTC immette U11 sul mercato con l’aggiornamento alla versione 7.1.1 di Android già applicato, una scelta decisamente apprezzata. Grazie a questo troviamo tutte le novità di Google, come anche le scorciatoie sulle icone della home tenendo premuto a lungo. A sinistra invece di Google Now troviamo l’immortale BlinkFeed con le notizie “pescate” dai nostri social network, mentre invece abbiamo ora anche Sense Companion. un nuovo assistente personale. A nostro parere i due software avrebbero potuto essere integrati assieme e in ogni caso, per quanto “simpatica” sia la bolla di Sense Companion, forse un altro assistente personale non era poi una necessità.

Tra le altre funzioni di HTC troviamo invece i temi, ancora utilizzabili in modalità libera posizionando le icone a piacimento e non su di una griglia “immaginaria”. Non manca il multiwindows e un’altra manciata di ben poco utili applicazioni HTC. In tutto questo il sistema si è però dimostrato molto reattivo, raggiungendo la vetta degli smartphone più veloci a dimostrazione che un sistema snello è ancora la soluzione migliore per chi vuole una notevole velocità. Speriamo solo che in futuro l’azienda possa iniziare a portare nuovamente innovazione anche sul lato software.

7.0

Autonomia

HTC U11 è dotato di una batteria da 3000 mAh che considerando le dimensioni del dispositivo possono sembrare un po’ pochi. Per fortuna i risultati sono stati decisamente migliori di quanto visto con U Ultra anch’esso dotato della stessa batteria. Si riesce infatti ad arrivare a fine giornata con un utilizzo medio dello smartphone e anche qualcosa in più. Nel caso di una giornata “stress” per il vostro smartphone potrebbe essere invece necessaria una carica aggiuntiva (presente il Quick Charge 3.0 per la ricarica rapida) dopo cena.

7.0

Prezzo

HTC U11 viene commercializzato a 749€. Certo non è un prezzo contenuto, ma è lo stesso di HTC U Ultra e HTC 10 di un anno fa, dimostrando come non si obbligatorio aumentare il prezzo di vendita ogni anno. E così, quasi come nota di curiosità, l’azienda che anni fa aveva i prezzi più alti sulla fascia alta, ora è diventata una di quelle con un prezzo di lancio più basso.

Acquisto

HTC U11 è disponibile sul sito ufficiale a 749€ o a qualche euro in meno su ePRICE.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

HTC U11

8.7

HTC U11

HTC U11 è lo smartphone top di gamma HTC che aspettevamo ormai da anni. Ottimo display, ottima fotocamera, software fulmineo e hardware al top. Sicuramente interessante il design che si vuole distinguere, pura operazione di marketing invece Edge Sense. Il software non offre nessuna funzione rivoluzionaria, ma sarà perfetto per chi vuole un'esperienza Android pura (o quasi) e buona velocità.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottima fotocamera
  • Buon display
  • Hardware al top
  • Ottime prestazioni
Contro
  • Il software non offre funzionalità di rilievo
  • Le dimensioni potevano essere ottimizzate ancora meglio
  • La funzione di "strizzata" è solo marketing
  • Niente jack audio