Sviluppare per Chrome OS è ancora più semplice: Google ne integra un emulatore in Android Studio

Edoardo Carlo Ceretti

Nonostante le voci su Fuchsia e l’ipotizzata volontà di Google di riunificare Android e Chrome OS in un sistema operativo terzo, non più basato sul kernel Linux, Big G continua a dimostrare di credere fermamente nei suoi due attuali sistemi operativi. Android ha appena visto il rilascio della beta di P, mentre per Chrome OS arrivano novità entusiasmanti per gli sviluppatori, che avranno ripercussioni positive anche sugli utenti.

Google ha infatti rilasciato un emulatore di Chrome OS all’interno di Android Studio, consentendo lo sviluppo di software pensato per Chrome OS anche agli sviluppatori che non possiedono una macchina dotata di tale sistema operativo. Tramite infatti il celebre tool di sviluppo è ora possibile emulare un Pixelbook sotto forma di macchina virtuale, avendo l’accortezza di aumentare la RAM per AVD Manager fino a 2.048 MB.

LEGGI ANCHE: I Chromebook potranno eseguire applicazioni Linux

Ovviamente, virtualizzare Chrome OS avrà ripercussione sulle prestazioni – che non saranno pari a quelle di una macchina fisica con il sistema preinstallato – ma si tratta di uno strumento particolarmente utile per i piccoli sviluppatori, finora restii a mettersi al lavoro su Chrome OS per la necessità di sobbarcarsi la spesa di un hardware apposito. Se foste interessati ad approfondire l’argomento, vi rimandiamo al blog ufficiale di Android Developers, dove sono illustrati tutti i passaggi necessari.

Via: XDA DevelopersFonte: Android Developers