Google Pixel Smartwatch esiste anzi, esistono: ci saranno 3 modelli con il nuovo Snapdragon Wear 3100

Vincenzo Ronca

Proprio ieri abbiamo introdotto per la prima volta l’argomento di un possibile ingresso di uno smartwatch nella gamma Pixel, a ottobre prossimo. Sarebbe una novità assoluta ed oggi apprendiamo nuove conferme e dettagli a proposito: ci sarebbero non uno ma ben tre smartwatch in fase di sviluppo da Google, tutti basati sulla nuova piattaforma Snapdragon Wear 3100.

I tre modelli di dispositivi indossabili hanno nomi in codice differenti: “Ling“, “Triton” e “Sardine“, i quali rimangono in linea con il tema marino adottato spesso da Google per i suoi dispositivi in fase di sviluppo. Questi tre dispositivi si trovano nella seconda fase di verifica della progettazione, quella in cui viene verificato se l’hardware impiegato è adatto per la produzione di massa, dopo più di un anno di lavoro da parte di Google in collaborazione con Qualcomm.

LEGGI ANCHE: Fitbit Versa, la recensione

L’unica caratteristica conosciuta dei presunti smartwatch Google è l’integrazione della nuova piattaforma Snapdragon Wear 3100: una CPU quad-core con architettura ARM Cortex-A7 e GPU Adreno 304. La nuova piattaforma appare abbastanza simile alla vecchia Snapdragon Wear 2100, fatta eccezione per l’unità PMW3100 dedicata alla gestione energetica, la quale permetterebbe una rilevante ottimizzazione dei consumi comparata alla vecchia piattaforma di Qualcomm per indossabili.

Nel nuovo SoC, infatti, sarebbe implementata Qualcomm Blackghost, una parte del chipset estremamente economica in termini di richiesta energetica, la quale rimarrebbe sempre attiva durante il funzionamento del dispositivo permettendo alla CPU di attivarsi soltanto in occasione di operazioni più complesse. Questo concetto di funzionamento è già integrato in dispositivi indossabili di piccole dimensioni come i fitness tracker.

Quest’ultima informazione avvalora l’anticipazione secondo la quale i prossimi smartwatch Google potrebbero implementare una sorta di Always On, che coinvolga anche Google Assistant. Al momento queste sono tutte le speculazioni sui nuovi prodotti di Google, torneremo ad aggiornarvi appena ci saranno ulteriori sviluppi.

Via: WinFuture