Come sono le app aggiornate con il nuovo Material Design? Ecco alcuni esempi (foto)

Vezio Ceniccola

Il nuovo Material Theme Engine annunciato nel corso del Google I/O 2018 rappresenta un’evoluzione molto interessante per quanto riguarda la progettazione grafica secondo le linee guida di Big G. L’evoluzione del Material Design passa anche dalla voglia di lasciare più libertà agli sviluppatori, come dimostrano già i primi esempi mostrati da Google stessa e dai suoi partner.

Alcune società hanno già avuto modo di collaborare con l’azienda di Mountain View, creando casi di studio per i propri servizi, utilizzando proprio il nuovo Material Theme Engine. Il risultato è una pletora di interfacce colorate e piene di elementi differenti, in cui comunque si riconosce un’omogeneità di fondo che le rende molto intuitive.

Ad esempio, la grafica di Pocket Casts presenta due barre inferiori, una per i tab principali e l’altra per il player audio minimizzato, mentre quella di Lyft si concentra tutta su un nuovo tasto FAB allungato. Da notare anche la diversità dei colori, solidi nel primo caso, più sfumati nel secondo.

Ancora più intrigante la scelta dell’app di NPR, che utilizza il nuovo stile arrotondato delle Card e delle barre per ammorbidire tutti gli elementi dell’interfaccia. Come nel caso di Lyft, il colore dominante è il bianco e si nota una grande pulizia complessiva, con un design abbastanza minimale.

Genius e Zappos mostrano come applicare la nuova filosofia dei temi Material a varie soluzioni: la prima ci fa capire l’utilizzo del design Responsive su web e su app, mentre la seconda mette a frutto la funzione Backdrop per organizzare gli elementi dell’interfaccia.

LEGGI ANCHE: Wear OS Developer Preview 2

Si tratta, in sostanza, di tanti piccoli esempi di come il Material Theme Engine può essere utilizzato, mettendo in evidenza la sua grande versatilità in ogni condizione e per tutti i servizi. Per capire meglio di cosa stiamo parlando, trovate di seguito le immagini a supporto, nel quale sono presenti tutti gli elementi citati.

Via: 9to5GoogleFonte: Google
google IO