Anche Samsung ha ceduto al fascino dell’epiteto Lite? (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Voci su un Galaxy S8 Lite che, discussioni sul nome a parte, ha tutta l'aria di essere uno smartphone da tenere in seria considerazione.

In principio furono i Galaxy Mini, una serie di dispositivi targati Samsung chiamati a sfruttare l’onda lunga del successo dei fratelli maggiori Galaxy S, senza tuttavia replicarne la bontà hardware, nemmeno in scala ridotta. Accontonati a partire dal 2015, questi smartphone che puntavano più sul nome che sulla sostanza potrebbero presto rinascere, ma la musica sarebbe del tutto diversa.

Non solo per il nome, dato che si vocifera che anche Samsung possa abbracciare l’epiteto Lite – tanto in voga nel settore smartphone e utilizzato anche dal produttore coreano in passato, per alcuni modelli minori – ma soprattutto per le specifiche tecniche, che avrebbero tutt’altra stoffa. Ci riferiamo al presunto Galaxy S8 Lite (SM-G8750), affiorato qualche tempo fa su alcuni siti di benchmark e dato ormai in rampa di lancio a seguito della certificazione TENAA.

Samsung SM-G8750: Caratteristiche tecniche

  • Schermo: 5,8″ full HD+ (1.080 x 2.220 pixel) Infinity Display
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 660 (octa-core fino a 2,2 GHz)
  • GPU: Adreno 512
  • RAM: 4 GB
  • Memoria interna: 64 GB (espandibile con microSD fino a 256 GB)
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel con flash LED
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel
  • Connettività: Hybrid Dual SIM, 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11ac (2,4/5 GHz), Bluetooth 5.0 LE, GPS, GLONASS, USB 3.1 Tipo C, NFC
  • Batteria: 3.000 mAh con ricarica rapida
  • Dimensioni: 148,9 x 68,1 x 8 mm
  • Peso: 155 g
  • OS: Android 8.0 Oreo con Samsung Experience
  • Altro: Pulsante Bixby, certificazione IP68, lettore di impronte digitali posteriore
  • Colori: nero

Come potete constatare dalle dimensioni elencate e dalle immagini che trovate qui sotto in galleria, si tratta di una replica perfetta di Galaxy S8, rivisitata nelle specifiche per essere lanciata sul mercato ad un prezzo inferiore rispetto al top di gamma 2017. Il display da 5,8″ infatti ha una risoluzione minore, il SoC è ora uno Snapdragon 660 e anche la memoria interna potrebbe non essere di tipo UFS 2.1. Di contro, la qualità costruttiva appare del tutto invariata, comprese la pessima collocazione del lettore di impronte posteriore e la certificazione IP68, un vero lusso per la fascia media.

Difficile capire se questo smartphone si chiamerà davvero Galaxy S8 Lite e, soprattutto, se approderà sul nostro mercato. C’è sicuramente da sperarlo, perché si tratterebbe di un dispositivo capace di attirare una larga fetta di potenziali acquirenti, a patto di non essere proposto a cifre vicine allo street price di modelli di fascia più alta. Un’operazione simile a quella proposta un paio di anni fa da LG con G5 e G5 SE, che potrebbe risultare vincente per Samsung.

Via: Fone ArenaFonte: TENAA