ASUS ZenFone 5 e il suo notch potevano fare a meno delle animoji? Ecco a voi le ZeniMoji! (video)

Edoardo Carlo Ceretti Coerenza inattaccabile per il produttore taiwanese.

Riservando anche soltanto una fugace occhiata ai nuovi ASUS ZenFone 5 e 5Z, anche i meno appassionati del panorama mobile si accorgerebbero immediatamente della evidente ispirazione allo smartphone che più di tutti, nel bene e nel male, ha fatto parlare di sé nel corso degli ultimi mesi: iPhone X. Il notch e il design frontale complessivo, la doppia fotocamera posteriore disposta in verticale, tutti elementi che tradiscono il chiaro omaggio di ASUS all’ultimo modello di punta della mela. Manca ancora qualcosa all’appello?

Certo, le animoji, ovvero la novità software più discussa fra quelle offerte da iPhone X, tanto inutile quanto spassosa. ASUS però non ha perso tempo e ha voluto colmare questa ultima lacuna, presentando le sua personalissima rivisitazione, chiamata ZeniMoji. Come potete vedere dal video trailer, le faccine dinamiche del produttore taiwanese riprendono nello stile quelle di iPhone X, promettendo di saper catturare e riprodurre in tempo reale ben 52 espressioni facciali.

LEGGI ANCHE: ASUS celebra la festa del papà con tanti sconti su PC, laptop e smartphone

Le ZeniMoji potranno essere impiegate durante sessioni di livestream oppure nel corso di videochiamate. Un modo divertente di comunicare, come lo definisce ASUS stessa. Una funzione che difficilmente vi convincerà, da sola, ad acquistare un nuovo ZenFone 5, ma che rimane una forma espressiva divertente e che potrete tranquillamente ignorare, nel caso non fosse di vostro gradimento.

ASUS Zenfone 5z (ZS620KL)

ASUS Zenfone 5z (ZS620KL)

confronta modello