Google svela i segreti di Motion Photos e perché i suoi video sono così stabili

Nicola Ligas

Motion Photos è una novità introdotta nei Pixel 2, che di per sé non suonava certo nuova. Si tratta infatti di un’opzione che anima le foto, registrando una clip di circa 3 secondi con alcuni momenti presi prima e dopo lo scatto. In realtà, nell’approccio di Google, c’è davvero tanto di nuovo, e soprattutto tanto machine learning, che l’azienda ha dimostrato di saper applicare al campo della fotografica come pochi altri.

La porzione di video che viene catturata per ogni foto scattata contiene infatti dei metadati derivanti dal giroscopio e dallo stabilizzatore ottico dell’immagine (OIS), che saranno poi utilizzati per ritagliare e stabilizzare opportunamente il contenuto. Combinando infatti il visual tracking fatto via software con questi metadati dai sensori hardware, Google ha realizzato un algoritmo ibrido, per le motion photos dei Pixel 2, che produce risultati strabilianti.

Si tratta di un miglioramento di quanto già visto sull’app Motion Stills (che utilizza un approccio puramente software) e che consente di ridurre gli artefatti in particolare nelle scene più complesse o con un background uniforme, che ingannano più facilmente l’analisi software. Il video che viene fuori ha quindi un campo ridotto rispetto alla foto originale, tanto più ridotto quanto più movimento viene rilevato (entro certi limiti comunque), come del resto già succede con tutti gli stabilizzatori elettronici, ma presenta anche una qualità dell’immagine mediamente superiore, grazie all’elaborazione attuata da Google. L’esempio qui sotto vi darà meglio un’idea di cosa stiamo parlando.

Per i dettagli tecnici, se foste interessati, vi rimandiamo a questo post sul blog dell’azienda, mentre per qualche bell’esempio potete rifarvi a questa galleria su Google Foto. A questo proposito, vi ricordiamo che proprio tramite Google Foto potete condividere le motion photos sia come video che come GIF. Ed è lecito aspettarsi altre novità nei Pixel 3, che probabilmente detteranno ancora una volta il passo da seguire in materia di fotografia.

Fotografia