L’emulatore di Android Studio ora si avvia in meno di 6 secondi e supporta il Play Store

Vezio Ceniccola

Nuovo importante aggiornamento per l’emulatore Android integrato all’interno della suite Android Studio. L’importante strumento di test per i progetti in sviluppo ha migliorato molto le sue funzionalità e presenta ora tante inedite ottimizzazioni, prima fra tutte quella relative alla velocità di avvio.

Grazie al nuovo Quick Boot, infatti, è possibile avviare l’emulatore in meno di 6 secondi, per essere subito pronti a lavorarci sopra. Quesa funzione sfrutta una sorta di meccanismo “snapshot“, simile a quello utilizzato per le macchine virtuali: quando si apre l’emulatore viene caricato l’ultimo stato utilizzando nella precedente sessione, dunque non si tratta di una partenza a freddo ma, piuttosto, di una riapertura.

La nuova versione dell’emulatore ha aggiunto anche il supporto diretto al Play Store e alle sue API, dunque adesso è possibile testare anche funzioni particolari legate ad esso, come la verifica degli acquisti in-app. Inoltre, è presente anche la nuova compatibilità con Android CTS (Compatibility Test Suite) e altre ottimizzazioni delle performance generali.

LEGGI ANCHE: Non dimenticate di aggiornare Android Studio

L’aggiornamento alla versione 27 per l’emulatore Android all’interno di Android Studio è già stato rilasciato sul canale stabile, dunque è già possibile scaricarlo dall’apposito strumento all’interno del software. Per maggiori informazioni, vi consigliamo di dare un’occhiata al post su Android Developers disponibile a questo indirizzo.

Via: Android PoliceFonte: Android Developers