Galaxy X: ecco come potrebbe essere l’interfaccia dello smartphone pieghevole (foto)

Vezio Ceniccola

Vi ricordate di Galaxy X? O vi suona meglio il nome Project Valley? In entrambi i casi stiamo parlando dello stesso dispositivo, ovvero il tanto atteso smartphone pieghevole di Samsung. Un brevetto risalente al 2016, ma emerso solo nelle ultime ore, sembra aver svelato l’interfaccia software di questo curioso terminale, che potrebbe essere più vicino al lancio di quanto non si creda.

Il brevetto propone un’interfaccia di sistema a due schermate, esattamente come ci aspetteremmo da un dispositivo pieghevole. A giudicare dalla grafica un po’ datata, il sistema utilizzato sembra essere quello visto sulle prime versioni di Galaxy S6 o S7, ma è probabile si possa trattare di versioni software prototipali.

La cosa interessante è che gli screenshot ci fanno capire meglio come potrebbe essere l’esperienza utente su Galaxy X. A quanto pare ci dovrebbero essere due display separati e su ciascuno di essi si dovrebbe poter utilizzare un’app indipendentemente dall’altro.

Le varie funzioni di sistema troverebbero vantaggio nel poter sfruttare una porzione maggiore di schermo, sia in modalità portrait che landscape: ad esempio, il menu delle app recenti potrebbe essere diviso su entrambi gli schermi, con possibilità di visualizzare più schede nello stesso momento.

LEGGI ANCHE: Galaxy S9: produzione in avvio a dicembre

Per adesso non ci sono ancora conferme da parte della società coreana, dunque prendiamo con le pinze le informazioni e le immagini contenute in questo brevetto, ma è indubbio che i lavori sul nuovo dispositivo stiano procedendo, con rumor che si fanno sempre più intensi col passare del tempo.

ZTE ha dimostrato col suo Axon M che l’idea di uno smartphone pieghevole non è affatto cattiva e potrebbe aprire la strada ad utilizzi finora mai sperimentati. Samsung potrebbe dunque seguire presto l’esempio dell’azienda cinese, facendo debuttare il suo Galaxy X entro il prossimo anno.

Via: SamMobile
brevetti