OnePlus spiega perché ha detto no alla ricarica wireless (anche su 5T)

Vezio Ceniccola

Una delle mancanze più evidenti di OnePlus 5 e, quasi certamente, anche del prossimo OnePlus 5T è la ricarica wireless, funzionalità ormai presente da anni su una vasta quantità di smartphone prodotti da varie aziende, soprattutto per quanto riguarda la fascia alta del mercato. Pete Lau, CEO di OnePlus, ha deciso di parlare apertamente di questo aspetto sul forum ufficiale della società, spiegando proprio i motivi per i quali i loro prodotti non dispongono di questa tecnologia.

Il dirigente cinese ha voluto confrontare lo standard wireless Qi con il noto sistema di ricarica con cavo Dash Charge, la tecnologia di ricarica rapida proprietaria dell’azienda cinese, dimostrando punto per punto la superiorità di questo tipo di ricarica rispetto a quella senza fili.

Lau ha spiegato che la ricarica Qi riesce a garantire al massimo 15 W di potenza quando il dispositivo è perfettamente posizionato sull’apposita base, mentre Dash Charge offre una potenza fino a 20 W, risultando molto più veloce ed efficiente in termini energetici.

Inoltre, non essendo costretto a rimanere appoggiato su una superficie o in una posizione fissa, lo smartphone ricaricato tramite cavo può essere comunque utilizzato per giochi o altre applicazioni, garantendo più “libertà” e spazio di manovra all’utente.

LEGGI ANCHE: OnePlus 5T sarà presentato il 16 novembre

Per questo ed altri motivi OnePlus ha scelto di non implementare la ricarica wireless sui propri prodotti, affidandosi solo al proprio Dash Charge. Lau si è detto entusiasta di tale tecnologia, ma semplicemente non crede sia ancora il momento giusto per integrarla sugli smartphone della sua azienda.

Le ragioni del CEO sono sicuramente valide e rispettabili, così com’è apprezzabile questa chiarezza nei confronti degli utenti riguardo alle scelte progettuali. Siamo, però, certi che gli appassionati avrebbero comunque voluto trovare una tecnologia in piena diffusione come la ricarica wireless anche sui nuovi OnePlus, magari affiancando proprio il tanto decantato Dash Charge per avere una possibilità in più per ricaricare i propri smartphone.

Fonte: OnePlus