Anche Huawei al lavoro su uno smartphone pieghevole (ma non flessibile)

Andrea Centorrino

Huawei si sta impegnando parecchio per diventare il secondo produttore mondiale di smartphone, e se dal punto di vista evolutivo dei propri prodotti stia svolgendo un ottimo lavoro (basti pensare al nuovo Mate 10 Pro), sembra che anche da quello dell’innovazione non si stia adagiando sugli allori: il prossimo anno, infatti, dovrebbe vedere la luce un modello pieghevole.

A rivelarlo è il CEO della società, Richard Yu, in un’intervista rilasciata a CNET: lo smartphone è al momento composto da due schermi, in maniera simile a ZTE Axon M; l’obiettivo è ridurre la banda che li unisce al minimo, dando così l’effetto di trovarsi di fronte ad un unico display.

Smartphone pieghevole dunque, ma con schermi “fissi”: ancora lontani da Galaxy X, il dispositivo Samsung che, invece, dovrebbe avere un unico schermo OLED flessibile e, quindi, pieghevole. Del resto, non potrebbe essere altrimenti, visto che la società coreana è l’unica ad avere tecnologie e fabbriche atte alla costruzione di pannelli con tali caratteristiche.

LEGGI ANCHE: Samsung ha certificato Galaxy X

Ciò non toglie che Yu è fermamente convinto della capacità di Huawei di occupare non il secondo posto, ma il primo nelle classifiche di vendita mondiali: con la linea Kirin ha già dimostrato di saper progettare ottimi SoC, che il prossimo passo siano gli schermi?

Fonte: CNET