AGCOM presenta BBmap, l’app gratuita per verificare lo stato delle connessioni (foto)

Leonardo Banchi

La certezza di poter avere una buona connessione ad internet è senza dubbio un parametro che molte persone tengono in considerazione oggigiorno, che sia per motivi di lavoro o semplicemente per comunicare o svagarsi. Fortunatamente, anche prima di trasferirsi in una nuova casa c’è modo di controllare, grazie al lavoro di AGCOM.

In seguito al decreto salva Italia del 2014 AGCOM ha infatti iniziato a costruire una banca dati con le informazioni sulle reti di accesso ad internet, messa a disposizione di tutti tramite una mappa accessibile dal sito web e, adesso, anche con un’app per Android.

Come verificare lo stato delle linee

AGCOM BBmap è infatti l’app ufficiale grazie alla quale è possibile consultare tutte le informazioni in possesso dell’agenzia: con essa potrete ricercare un indirizzo (o affidarvi alla geolocalizzazione), e scoprire quali servizi di copertura sono disponibili nell’area e le velocità di navigazione raggiungibili.

LEGGI ANCHE: 5 tra le migliori app per… il video editing

La mappa riporta informazioni sia sulla rete fissa che mobile, ma anche sugli access point wireless disponibili. Qualora i dati non risultassero corretti, è possibile segnalarlo tramite un simpatico sistema basato sulle emoji.

Il progetto è decisamente interessante, ma purtroppo l’interfaccia dell’app non è il massimo che si possa desiderare: dato che si tratta di una trasposizione del servizio web i comandi non sono particolarmente comodi, e anche la fluidità della navigazione non è sempre continua. C’è chi ha fatto di meglio per scopi simili, ma se state per spostarvi e volete essere sicuri di avere una buona copertura dove andrete ad abitare, AGCOM BBmap è sicuramente comunque una delle fonti da tenere in considerazione.

Download gratuito

AGCOM BBmap è disponibile gratuitamente sul Play Store: potete controllare la copertura nella zona in cui abitate installandola sul vostro smartphone tramite il badge per il download che trovate a seguire.

POTREBBE INTERESSARTI: Bluetooth aptX: cosa è e perché volerlo

Via: DDay