Guardate com’è e come funziona WhatsApp Business su Android! (foto)

Nicola Ligas

WhatsApp Business è la nuova app dedicata agli esercizi commerciali e le aziende, con la quale questi potranno comunicare con noi utenti. Un lettore di Android Police, rispondendo a questo sondaggio, è riuscito a farsi accreditare tra i beta tester dell’app, non ancora rilasciata al grande pubblico, dandoci così modo di vedere com’è e come funziona WhatsApp Business.

L’app è separata da quella di WhatsApp standard, ed avrà una sua pagina sul Play Store (irraggiungibile se non fate parte dei tester). Le due possono quindi convivere fianco a fianco, in modo da separare sfera lavorativa e privata. È anche possibile registrare un numero di rete fissa per WhatsApp Business, cosa impossibile finora con WhatsApp.

Ad un primo impatto, WhatsApp Business è identica alla versione regolare dell’app. Le differenze si notano solo nelle impostazioni, dove ci sono le voci “business settings” e “statistics“. Quest’ultima è però molto basilare e mostra solo il numero di messaggi inviati, consegnati, letti e ricevuti.

Nella prima voce potrete invece configurare il vostro profilo business. Oltre all’avatar si possono inserire email, sito internet, indirizzo e descrizione. Potete inoltre importare un messaggio di away (emoji incluse), che riceverà chi provasse a contattarvi quando siete assenti. Potete infatti impostare un orario in cui questa funzione si attivi in automatico (non ci sono però troppe opzioni al riguardo), ad esempio in coincidenza con quello lavorativo, oppure premere direttamente su On ed Off.

Dal punto di vista dei clienti, contattando un profilo business ci sarà una piccola finestra di spiegazione che si tratta di un profilo business appunto, e se questo è stato o meno già verificato. Per il resto, è la solita chat di WhatsApp che tutti conoscerete.

Nel complesso insomma ci sono alcune piacevoli aggiunte, come il supporto ai numeri di rete fissa, e soprattutto un modo per separare sfera lavorativa e privata, oltre che per autenticare il profilo. Finora infatti ci sono già delle aziende o enti che usano WhatsApp per comunicare con i propri clienti, ma l’hanno sempre fatto come utenti comuni, mentre è bene dividere le due cose e dare maggiori strumenti ai primi e più certezze su chi sta contattando ai secondi.

Potete anche scaricare l’apk da qui, ma è totalmente inutile se non siete tra i partecipanti delle beta, nel qual caso avrete già l’app sul vostro telefono. Accontentatevi quindi degli screenshot qui sotto, almeno per adesso.