Misfit Vapor è un vero campione di ritardi: ora è previsto per ottobre

Edoardo Carlo Ceretti Presentato a gennaio, sarebbe dovuto arrivare alla fine dell'estate.

La storia di Misfit Vapor è sempre più travagliata. Presentato addirittura durante il CES 2017 – che si è svolto nel mese di gennaio – verso la fine del mese di marzo giunse un’ottima notizia, che giustificò i primi ritardi: la presenza di Android Wear 2.0, invece di un sistema proprietario. Poi calò il silenzio sul progetto, fino ad un paio di settimane fa, quando Misfit annunciò che Vapor non avrebbe integrato il GPS, nonostante il prezzo annunciato di 199$ (fra l’altro ben 7 mesi prima) sarebbe rimasto invariato.

Al netto della cattiva notizia ricevuta, ci attendevamo una commercializzazione imminente – si era parlato della fine dell’estate – e invece ecco un’altra doccia fredda: Misfit Vapor arriverà non prima di ottobre, sempre senza GPS e sempre allo stesso prezzo. Anche nel caso queste tempistiche venissero davvero rispettate, 9 mesi di attesa sarebbero quasi un record (definirla un parto, sarebbe quasi troppo scontato).

Insomma, un debutto decisamente problematico per Misfit nel mondo degli smartwatch, dopo l’esperienza maturata nel settore dei fitness tracker. Ricordiamo che Vapor, oltre all’assenza del GPS, prevederà un display circolare da 1,39″ in tecnologia Amoled, SoC Qualcomm Snapdragon Wear 2100, una cassa in acciaio da 44 mm, una superficie laterale sensibile al tocco e, appunto, Android Wear 2.0.

Staremo a vedere se Vapor sarà in grado di ritagliarsi una sua fetta di mercato, oppure se sarà travolto dal probabile arrivo della serie 3 di Apple Watch e da Ionic, il primo smartwatch di Fitbit, previsti entrambi più o meno per lo stesso periodo dell’anno.

Via: Android Authority