Py, l’app che insegna a programmare in modo divertente (foto)

Leonardo Banchi

Avete mai desiderato di poter imparare a programmare, senza però dovervi mettere con la testa china su un libro pieno di nozioni e lunghe spiegazioni?

Sembra un desiderio irrealizzabile, eppure il modo per avvicinarsi al mondo della programmazione in modo divertente e coinvolgente esiste già: si chiama Py, ed è un’applicazione gratuita che potete installare subito sul vostro smartphone o tablet.

La programmazione è un gioco

L’obiettivo di Py è infatti proprio quello di insegnare la programmazione a piccoli passi, tramite brevi spiegazioni, moltissimi esempi e frequenti quiz per verificare l’apprendimento delle nozioni: grazie al modo in cui quest’app saprà catturarvi non vi sembrerà infatti neanche di stare studiando, ma passo dopo passo vi accorgerete di avere gli argomenti trattati ben impressi nella mente.

LEGGI ANCHE: Migliori App Android per le Vacanze

Per raggiungere questo obiettivo, naturalmente, Py sfrutta moltissime tecniche di “gamification”, che trasformano il lavoro in un gioco: sarete infatti spesso sottoposti a piccoli esercizi e potrete sbloccare risultati ponendovi un obiettivo giornaliero da raggiungere.

Le possibilità offerte dall’applicazione sono comunque molte, e gli argomenti vengono trattati in modo estremamente accurato: potrete partire da completi principianti o da persone già avvezze al mondo della programmazione, avrete a disposizione corsi per moltissimi linguaggi (C#, C++, HTML, Java, Python, SQL, Swift e molti altri), e nei momenti di difficoltà potrete anche avvalervi dell’aiuto di un tutor personale con il quale chattare (questa opzione è però disponibile solo per gli utenti premium).

Download gratuito

Py è disponibile gratuitamente sul Play Store: scaricandola dal badge che trovate qui sotto potrete seguire moltissimi corsi di avviamento al mondo della programmazione, ma ricordate che per accedere alle lezioni più avanzate dovrete invece abbonarvi alla versione premium al prezzo di 5,49€ al mese.

POTREBBE INTERESSARTI: Come installare WhatsApp sui vostri smartphone (e non solo)