I primi sample della dual-cam di Essential Phone promettono bene, forse troppo (foto)

Vezio Ceniccola

Il nuovo Essential PH-1, primo smartphone prodotto dalla nuova azienda di Andy Rubin, ha fatto molto discutere in rete, e non solo per i suoi ritardi nelle spedizioni. Il dispositivo è dotato di alcune particolarità molto interessanti, ed una di queste sta nella doppia fotocamera posteriore.

Con un post sul proprio blog ufficiale, Essential ha svelato alcuni segreti del comparto fotocamera del nuovo PH-1, che si preannuncia come un sistema ottimizzato per ottenere il meglio da ogni scatto, anche in condizioni di luce scarsa. Aspettative molto alte, dunque, che sono però sostenute dal lavoro effettuato dai tecnici.

La dual-cam di Essential Phone è dotata di due sensori, uno a colori e uno monocromatico, che possono lavorare in tandem per creare l’immagine finale. In questo modo, è possibile sfruttare i dati forniti dalla maggior definizione del sensore monocromatico per unirli a quelli degli scatti a colori, ottenendo foto ad alta risoluzione e con una perfetta resa dei dettagli.

Il team che si occupa della parte fotografica ha lavorato per mesi sul complesso Image Signal Processing (ISP) del dispositivo, procedendo alla sua lenta ma costante evoluzione nei test in laboratorio e sul campo. Il risultato, visibile nelle immagini in galleria, sembra davvero molto apprezzabile, anche se lo sviluppo non è ancora concluso del tutto.

LEGGI ANCHE: L’Essential Phone dovrebbe arrivare anche in Italia

Stando a quanto affermato dallo stesso Rubin, le spedizioni del nuovo Essential PH-1 dovrebbero partire a brevissimo, entro le prossime settimane. In attesa di provare con mano le capacità fotografiche dello smartphone e capire se l’azienda ha rispettato le alte aspettative create, possiamo goderci i primi sample ad alta risoluzione andando sul sito ufficiale a questo indirizzo.

Fonte: Essential