XDA accusa OnePlus (e Meizu) di barare nei benchmark: la replica di OnePlus

Nicola Ligas

Un lungo report di XDA-Developers accusa OnePlus e Meizu di alterare le prestazioni dei propri smartphone all’avvio di un benchmark, in modo da ottenere punteggi superiori a quelli ordinari. Si tratta di una vecchia storia, in cui furono coinvolti nomi più blasonati, e che ora si ripete, contribuendo purtroppo ad alimentare le convinzioni di chi pensa che “tutti barino”, in un modo o nell’altro.

Secondo quanto rilevato da XDA su OnePlus 3T, in applicazioni quali AnTuTu e Geekbench il clock verrebbe mantenuto sempre al massimo, ed è proprio con quest’ultimo benchmark che XDA ha collaborato per appurare che le cose stessero effettivamente così. Come potete vedere dai grafici qui sotto, realizzati con la versione regolare di GeekBench e con una modificata per “non farsi riconoscere”, è piuttosto evidente che lo scaling della CPU viene gestito in maniera diversa rispetto all’ordinario quando è in esecuzione il benchmark.

Raggiunta da XDA, OnePlus ha replicato come segue:

In order to give users a better user experience in resource intensive apps and games, especially graphically intensive ones, we implemented certain mechanisms in the community and Nougat builds to trigger the processor to run more aggressively. The trigger process for benchmarking apps will not be present in upcoming OxygenOS builds on the OnePlus 3 and OnePlus 3T.

In pratica si tratta di un boost di performance voluto proprio per esaltare il gaming (dove sarà mantenuto – anche se la possibilità di scelta per l’utente sarebbe gradita), che al momento si attiva anche con le app di benchmarking, ma così non sarà nelle prossime build di OxygenOS. In base ai test condotti da XDA, questa funzione fa parte di HydrogenOS già da diverso tempo, ed è stata aggiunta alla OxygenOS solo con Nougat, forse a causa del merge delle due versioni.

Nel caso di Meizu le cose sono ancora più complesse. In base a quanto rilevato anche da Anadtech, un recente aggiornamento di Pro 6 (versione 5.2.5.0G) sembra aver aumentato considerevolmente le sue prestazioni, ma in realtà questo avviene solo nei benchmark. In base ai test condotti da XDA su Meizu Pro 6 Plus (il software è lo stesso, quindi i modelli coinvolti dovrebbero essere molti di più), all’avvio di un’app di benchmarking lo smartphone chiede di passare in “performance mode”, il che può anche andare bene perché consente comunque all’utente di decidere quale modalità utilizzare. Il problema è che avviando un normale gioco, non avrete mai a disposizione questa modalità.

Si tratta un po’ di barare a metà, nel senso che l’utente è ben consapevole di quale modalità stia utilizzando, peccato solo che non possa replicare nelle app che preferisce, anche perché, come evidenzia il grafico qui sotto, l’aumento di performance c’è eccome.

meizu-pro-6-plus-score-comparison

Fonte: XDA