Blackphone sta bloccando i suoi prodotti non autorizzati con un aggiornamento

Vezio Ceniccola

La storia è questa. Un’azienda produce uno smartphone che come sue caratteristiche fondamentali ha la privacy e la sicurezza, assicurate da un fork di Android progettato per l’occasione. La stessa azienda vende lo smartphone in questione tramite i suoi canali di vendita sicuri, ma sa che ci sono altri rivenditori “non sicuri” da cui si può acquistare il prodotto. Come fare, dunque, a risolvere la questione? Semplice: rilasciando un aggiornamento che blocca totalmente i dispositivi acquistati dai rivenditori “non autorizzati”.

Questo è esattamente quello che sta facendo Blackphone, che con l’ultimo aggiornamento di Silent OS ha deciso di impedire l’avvio del suo sistema operativo sugli smartphone acquistati tramite store online senza licenza o altri canali di vendita di terze parti.

Il motivo di questa decisione è, senza dubbio, molto chiaro: i dispositi a marchio Blackphone non acquistati direttamente dal produttore potrebbero essere stati manipolati in qualche modo, e la società non è quindi in grado di garantire il livello di sicurezza promessa ai suoi clienti.

LEGGI ANCHE: Google fa sul serio con la sicurezza

A questo punto il problema ricade direttamente sugli utenti che hanno acquistato questi prodotti, che si vedono impossibilitati ad usare il loro Blackphone dopo il passaggio al nuovo firmware. Per ora non sembrano esserci soluzioni percorribili, se non quella di bloccare l’aggiornamento, ma è possibile che in futuro possa arrivare una custom ROM che riporti in vita il dispositivo.

Via: Liliputing