material-design-1

Google vuole che il Material Design sia usato anche su iOS e sul web (foto)

Vezio Ceniccola

Il Material Design di Google ha fatto scuola ed è ormai uno stile grafico riconoscibile e ben integrato anche in molte app di terze parti. La società californiana, però, sa che non è ancora uno stile perfetto e di volta in volta rilascia nuovi aggiornamenti per consentire a tutti gli sviluppatori di costruire nel modo giusto la grafica delle loro applicazioni.

Nel nuovo aggiornamento delle linee guida si è voluta puntare l’attenzione sull’aspetto multi-piattaforma del Material Design. Google, infatti, sta spingendo sempre più per fare emergere questo tipo di estetica anche per le app iOS e per i contenuti web, creando un ecosistema organico ed intuitivo.

Ci sono nuove indicazione che riguardano liste, toolbar ed altri elementi a schermo, inclusi esempi che spiegano cosa fare e cosa evitare per ogni piattaforma.

LEGGI ANCHE: Material Design Awards 2016: le 5 app vincitrici

Inoltre, sono state create nuove sezioni nella guida, una dedicata alle nuove app shortcut, introdotte col Pixel Launcher e poi riprese anche da altre app di terze parti, e l’altra che si concentra sull’aiuto e sul feedback degli utenti. Gli altri cambiamenti riguardano sezioni minori, come la bidirezionalità, l’accessibilità e le selezioni.

Se volete saperne di più, potete leggere le nuove linee guida andando sul sito ufficiale a questo indirizzo. E se siete sviluppatori e volete qualche strumento in più per la grafica delle vostre app, vi consigliamo di dare uno sguardo anche al nuovo sito dedicato ai Material Components.

Via: Android Police