Huawei Nexus 6P nelle mani di un fotografo: il nostro test (foto)

Emanuele Cisotti -

Nonostante Nexus 6P abbia ormai alle spalle un anno di vita è stato comunque interessante vedere il risultato del test realizzato dalla nostra redazione dando in mano questo dispositivo al nostro fotografo di fiducia. In attesa di avere il suo responso per quanto riguarda i nuovi Google Pixel, è interessante notare come Google sia stata capace di sfruttare al meglio il sensore di Huawei Nexus 6P grazie al suo software.

Il lato più interessante è stato notare come HDR+ (che non è solo un “semplice HDR”) abbia lavorato in modo egregio per “salvare” i dettagli nelle zone più scure delle foto. Purtroppo l’applicazione di Google non mette a disposizione lo scatto in RAW e il fotografo ha dovuto utilizzare software di terze parti, ottenendo però buoni scatti ma scarsa stabilità del software.

Nexus-6p-Photo-Review-Alessandro-Michelazzi-2

Nel confronto fra JPG realizzati in HDR+ e RAW modificati in Lightroom si nota poi come la differenza non sia poi così grande come ci si sarebbe potuti aspettare, mostrando quanto lavora bene l’algoritmo di Google.

Trovate sul sito ufficiale del nostro fotografo di fiducia i file originali che includono anche i relativi dati EXIF. Sempre alla fonte originale trovate un po’ di considerazioni sullo smartphone in generale e sulla qualità degli scatti.

Per altre prove fotografiche dal nostro fotografo potete navigare nel nostro archivio:

Scatti HDR+

Scatti RAW

Scattate con Camera FV-5 e Manual Camera e corrette con Lightroom.

JPG vs RAW

Un confronto fra i due scatti (JPG in HDR+ e RAW editati in Lightroom).

confronto jpg raw

Nella galleria trovate l’indicazione di quali sono gli scatti JPG e quelli RAW (DNG).