Samsung ferma le vendite di Galaxy Note 7, di nuovo (e per sempre?)

Nicola Ligas - "La sicurezza dei nostri clienti viene prima di tutto", ma è quella del brand che è a rischio.

Samsung ha chiesto ad operatori e rivenditori di tutto il mondo di interrompere le vendite e la permuta di Galaxy Note 7, in attesa che vengano condotte ulteriori indagini sugli incidenti che vi abbiamo segnalato in questi ultimi giorni. Nel frattempo, gli utenti in possesso del phablet sono invitati a spegnerlo ed a non utilizzarlo ulteriormente.

Samsung non parla ufficialmente di un secondo richiamo dello smartphone, ma non vediamo molte possibili alternative, dato il continuo aumentare di casi di esplosioni / combustioni dello smartphone.

Ma perché la batteria di Galaxy Note 7, anche dei modelli sostituiti, continua a dare problemi? Le ipotesi in rete impazzano: si va da chi punta il dito contro il sistema di controllo del voltaggio della batteria, a chi pensa che sia causa di materiali di scarsa qualità, in particolare per la batteria stessa. Considerando poi con quanta celerità Samsung ha condotto il primo richiamo degli smartphone, il controllo di affidabilità dei nuovi componenti potrebbe essere stato un po’ trascurato, per cercare di fare prima possibile. C’è anche chi la fa ancor più semplice: Samsung avrebbe solo modificato dal kernel il voltaggio massimo della batteria, nella speranza che questo bastasse a contenere le esplosioni; un fatto che, se dimostrato, sarebbe assai grave.

LEGGI ANCHE: Samsung perde l’anno sa causa contro Apple sullo slide to unlock

Nel frattempo Oculus ha disabilitato da remoto le funzionalità VR di Galaxy Note 7, giusto per evitare altri possibili rischi, anche perché avere un oggetto potenzialmente pericoloso a pochi centimetri dagli occhi non è certo ciò che nessuno si augura. Fatto sta che il cammino di Galaxy Note 7 (e di Samsung stessa) è oggi molto più in salita di quanto non fosse appena pochi giorni fa.

Quello che poteva essere insomma un incidente risoltosi con tempestività ed attenzione al cliente da parte dell’azienda coreana, si sta trasformando in un’onta che sarà difficile lavare, senza considerare il sempre più ingente danno economico immediato, che forse è ormai l’ultima preoccupazione di Samsung. Vi terremo aggiornati sul futuro di Galaxy Note 7, che per fortuna, ormai si deve dire così, non è più tornato disponibile sul nostro mercato, ed a questo punto è lecito chiedersi se mai lo sarà.

Via: Android CentralFonte: Samsung