Pokemesh

Pokévision non funziona più? Niente paura, c’è PokèMesh, che è pure “Made in Italy”!

Lorenzo Delli -

A seguito della rimozione della funzionalità legata alle orme e della chiusura di servizi quali Pokévision si è registrato un diffuso malcontento tra la comunità di giocatori di Pokémon GO. Proprio nell’articolo relativo alla chiusura di tali servizi, un nostro utente ci ha segnalato un applicativo che in realtà usavamo già da diversi giorni.

Stiamo parlando di PokèMesh – Real time map, forse una delle migliori mappe in tempo reale dedicate a Pokémon GO. Stavamo pensando di non parlarvene visti i presupposti, se non fosse che da quanto confermato dall’utente, facente parte del team di sviluppo italiano che si nasconde dietro all’applicativo, PokèMesh non sfrutta gli stessi meccanismi di Pokévision o Poké Bliss.

Effettivamente l’applicazione funziona ancora ed è stata aggiornata dal team di sviluppo proprio in queste ore introducendo tra l’altro la mappa dei pokéstop e delle palestre. L’applicativo si presenta molto bene, con un pulsante in basso al centro per la scansione della mappa, con pulsanti laterali per ottenere le indicazioni stradali (in caso vi voleste recare in un punto particolare della mappa) e con un menu che nasconde alcune interessantissime funzionalità.

LEGGI ANCHE: Le chat di gruppo sono già incluse nel codice di Pokémon GO, ma sono disabilitate di default

PokeMeshOltre a poter inserire manualmente un indirizzo in cui cercare Pokémon, è anche possibile selezionare o deselezionare quali Pokémon mostrare sulla mappa, se mostrare o meno pokéstop e palestre ma sopratutto abilitare le notifiche. Pokèmesh scansionerà automaticamente l’ambiente inviandovi notifiche push (anche a schermo spento) in caso di avvistamento di determinati Pokémon.

È anche possibile attivare QuickGO, che vi permette con una pressione prolungata sul pulsante di scansione di avviare Pokémon GO e attivare l’Overlay, ovvero la possibilità di consultare la mappa direttamente in gioco grazie ad un’icona flottante. Quest’ultima funzionalità però, appena introdotta, non sembra ancora funzionare a dovere (almeno su Galaxy S7 edge).

Ci sono però due “ma“: il primo riguarda la scansione, che ultimamente funziona un po’ peggio del solito. Vengono sì mostrati i Pokémon vicini, ma alcuni effettivamente presenti non vengono rivelati dalla scansione. Inoltre è necessario effettuare il login con un account Google, e come suggeriscono gli sviluppatori è bene non utilizzare il medesimo account utilizzato per giocare. Il download è completamente gratuito, troverete pubblicità ad accogliervi solo nei menu e pubblicità a schermo intero dopo 30 scansioni.

Google Play Badge

Aggiornamento 8 agosto

Come tante altre app per la localizzazione dei Pokémon, anche PokéMesh aveva smesso di funzionare. Il team di sviluppo è riuscito però a superare le “protezioni”, e adesso PokéMesh funziona nuovamente. Non la troverete però sul Play Store. Maggiori dettagli nell’articolo dedicato.