Hangouts

Hangouts anticipa WhatsApp e introduce i link per invitare alle chat di gruppo (aggiornato)

Nicola Ligas -

La possibilità di partecipare alla conversazione tramite link è ora abilitata. Così Hangouts ci accoglie qualora decidessimo di premere sulla omonima voce introdotta nel menu Persone e opzioni delle chat di gruppo. Le persone che si uniscono al gruppo possono visualizzare tutti i messaggi precedenti di questo Hangout, recita poi l’avviso sottostante.

Una volta abilitata questa opzione, comparirà al di sotto di questa la voce Condividi link, che genererà automaticamente un link a quel gruppo, da condividere tramite l’app che preferite (mail, SMS, altre app di messaggistica, ecc.). Chiunque cliccherà su questo link, sarà automaticamente aggiunto all’Hangout di gruppo che l’ha generato e potrà accedere a tutto lo storico dei messaggi.

LEGGI ANCHE: Hangouts per Android consente finalmente di condividere video

Questo vale anche per le persone che non sono nella vostra rubrica, e che potrete unire facilmente tramite link diretto. Potete comunque, in qualsiasi momento, disabilitare l’opzione di unirsi tramite link, in modo da invalidare tutti i link generati, impedendo così da eventuali ulteriori partecipanti di aggiungersi al gruppo.

La nuova funzione è disponibile ora su Android, ed a breve arriverà anche su iOS, ma a dispetto insomma del lancio di Allo e Duo (già, ma quando arriveranno?) Hangouts continua insomma a crescere, segno ulteriore che, almeno per ora, l’app non ha intenzione di andare in pensione.

Aggiornamento 26/07: Google ha pubblicato un post per annunciare l’arrivo degli inviti ai gruppi tramite link, ma ha anche sottolineato come adesso la ricerca trovi anche i gruppi e non più solo i contatti. Infine, è stata aggiunta la possibilità di rimuovere forzatamente uno o più membri di una chat di gruppo, impedendo loro di accedere allo storico della conversazione e notificando della rimozione agli altri partecipanti. Trovate un paio di esempi nelle ultime due immagini in galleria qui sotto.

Fonte: Jordanna Chord (Google+)