Qualcomm_Insegna

Qualcomm accusa Meizu di non aver pagato le royalties sui propri brevetti

Andrea Centorrino

Qualcomm ed i produttori cinesi non sembrano andare d’accordo ultimamente: dopo la multa di 975 milioni di dollari inflitta alla società da parte della Commissione Cinese Sviluppo e Riforme nel 2015 per politiche aggressive sui brevetti, sembra che il produttore di chip non si dia per vinto, ed accusa Meizu di non aver pagato le royalties per alcune tecnologie impiegate nei suoi dispositivi.

Stando a quanto riferito da Qualcomm, le accuse sarebbero state formulate secondo la nuova politica adottata dalla società in Cina a seguito della multa (la più alta mai registrata nel paese di questo genere), e sarebbero perfettamente lecite: Meizu non avrebbe pagato il giusto compenso per aver impiegato brevetti relativi alle tecnologie 3G e 4G.

LEGGI ANCHE: Qualcomm sotto inchiesta dall’antitrust europea

Meizu non ha ancora fornito una risposta alle accuse, e non è noto l’importo richiesto da Qualcomm per porre fine alla questione. Quel che è certo è che il governo cinese tiene molto alle aziende locali, ed il verdetto potrebbe, ancora una volta, essere a sfavore della società statunitense.

Via: CNETFonte: PR News Wire
brevettiqualcomm