Google Support

Google al lavoro su un nuovo servizio di assistenza remota per i Nexus (foto)

Andrea Centorrino

I Nexus sono nati come dispositivi di riferimento per la piattaforma Android: riservati inizialmente agli sviluppatori, con il successo di quest’ultima sono stati acquistati da sempre più utenti “comuni”. Alcuni di questi potrebbero incontrare delle difficoltà iniziali nella configurazione, ma un prossimo progetto Google potrebbe, in futuro, eliminare situazioni del genere.

In maniera simile a quanto offerto da Amazon con il pulsante Mayday presente sui tablet Kindle, gli utenti potrebbero richiedere l’assistenza di un operatore direttamente dalla schermata di configurazione, il quale avrebbe accesso allo schermo del dispositivo, in modo da guidare passo passo l’utente verso la risoluzione del problema.

A rivelare questa nuova funzione, che prenderebbe il nome di Google Support, è una fonte ritenuta molto affidabile (tanto da meritarsi un “9/10” in tal senso) dalla redazione di Android Police. Quello che trovate a fine articolo è un mockup dell’interfaccia, mentre l’icona è quella ufficiale, ma non finale: da notare la presenza di una zampa di cane che indica lo status di dogfooding (ovvero riservato ai soli dipendenti Google).

LEGGI ANCHE: Google potrebbe ridisegnare i pulsanti home e di navigazione

Google non avrebbe tirato questa novità fuori dal cilindro, ma si tratterebbe di un retaggio di Android Silver, progetto mai venuto alla luce ma ampiamente discusso negli anni passati. Google Support potrebbe, come non potrebbe, vedere la luce in autunno, sui prossimi Nexus Sailfish e Marlin.

 

Fonte: Android Police