OnePlus 3 - 10

OnePlus 3 mostra di essere stato costruito con estrema cura e resiste ad ogni tortura (video)

Nicola Ligas

Partendo dallo schermo, OnePlus 3 si comporta come tutti gli altri smartphone protetti da Gorilla Glass, quindi niente di particolare da segnalare, ma già venendo al pulsante home/lettore di impronte ci sono delle buone novità, dato che questo è realizzato in ceramica, al contrario della plastica usata su Galaxy S7 ed LG G5 ad esempio, il che è un grande punto a favore di OnePlus.

Altro +1 per aver protetto la fotocamera posteriore con vetro e non plastica, cosa che in molti fanno, e che ci fa piacere anche OnePlus abbia perseguito questa strada. Il corpo di OnePlus 3 è interamente in metallo, compresi i pulsanti laterali, il carrellino della SIM, e addirittura la griglia della capsula auricolare, senza particolari rivestimenti, il che significa sì bello, ma anche “graffiabile”. Il logo inciso sul retro è ancorato saldamente alla scocca, e non verrà via nemmeno insistendo.

LEGGI ANCHEOnePlus 3 e la gestione della RAM: facciamo chiarezza

Passato a pieni voti anche il burn test, con il display che diventa un po’ bianco dopo 14 secondi dall’applicazione del calore, ma poi recupera perfettamente senza lasciare aloni. Il bend test inizialmente sembra problematico, perché lo schermo esce dalla scocca laterale, ma poi non succede niente. Lo smartphone non si spezza ed anche dopo aver applicato una forte pressione sia sul retro che davanti non ci sono danni permanenti, e la scocca metallica non ha pieghe.

Insomma, OnePlus 3 sembra uno dei telefoni migliori di quest’anno, dal punto di vista costruttivo; per tutto il resto, se non l’aveste già fatto, date un’occhiata alla nostra recensione.

OnePlus 3video