paranoid-android

Paranoid Android si aggiorna con tanti bug fix, ed aggiunge il supporto a OnePlus 3

Andrea Centorrino -

Qualche settimana fa, a sorpresa, Paranoid Android è tornato alla ribalta con un nuovo firmware disponibile per un numero limitato di dispositivi; da poco il team ha rilasciato una nuova versione che risolvere parecchi bug ed amplia la compatibilità a nuovi Sony Xperia; prossimamente, il loro lavoro arriverà anche su OnePlus 3.

Grazie all’aiuto di Sony e del suo Open Devices Project, il team è riuscito ad aggiungere il supporto per tutti e 22 i dispositivi Xperia supportati dal progetto. La versione appena rilasciata supporta la famiglia Shinano, ma in futuro verranno supportate anche le piattaforme Rhine, Yukon e Kitakami.

I dispositivi Nexus guadagnano l’aggiornamento di sicurezza di giugno, così come quello al Theme Engine. Il browser integrato è stato aggiornato, e tutte le nofitiche di sistema arrivano direttamente da Paranoid Android, senza passare da Google.

LEGGI ANCHE: Paranoid Android: la nostra prova dell’edizione 2016

Per i dispositivi CAF (ovvero per quelli basati su SoC Qualcomm) è stato aggiornato il Theme Engine, così come il browser e le app per la fotocamera e per la galleria (che ora non crasha più quando si tenta di modificare una foto). Inoltre, le gesture non dovrebbero più attivarsi mentre si ha il telefono in tasca, e la ricarica avviene più velocemente.

Un bug riguardante l’inserimento del PIN nella lockscreen di Nexus 6 è stato risolto, mentre le immagini di Nexus 6P ora includono tutti i file dei vendor in modo da non dover scaricare manualmente la factory image da Google dopo aver installato Paranoid Android.

OnePlus 2 migliora l’efficienza energetica, scaldando meno durante la fase di ottimizzazione delle applicazioni, e sono stati risolti alcuni bug riguardanti le gesture inverse, l’audio, le statistiche sul consumo della batteria ed un miglior supporto al lettore di impronte per alcune app di terze parti.

OnePlus One e OnePlus X ricevono l’ambient display, l’hardboot Kexec per il supporto multi-ROM ed alcuni fix per audio, configurazione della CPU e sensori di prossimità. Al momento non sono disponibili gli aggiornamenti OTA, quindi vi toccherà andare sul sito di Paranoid Android e scaricare le build “complete”.

Fonte: Google+
OnePlus 3OnePlus X