Google-final

Google si prepara a ricompensare di più gli sviluppatori, come Apple. Anzi, meglio di Apple.

Nicola Ligas

Forse vi siete persi il fatto che, nella serata di ieri, Apple ha annunciato importanti novità per quanto riguarda gli introiti per gli sviluppatori derivanti dalle app in abbonamento, portando la divisione dei compensi dal 70-30 attuale all’85-15 (rispettivamente per gli sviluppatori e per Apple). Ebbene, Google ha in mente di fare esattamente la stessa cosa, ma di farla meglio.

Nelle clausole di Apple c’è infatti una condizione, ovvero l’85% dei guadagni sarà corrisposto agli sviluppatori solo dopo il primo anno di sottoscrizione dell’abbonamento, mentre per i primi 12 mesi rimarrà l’attuale 30%. Google invece non pianifica vincoli temporali, ovvero 85/15 sempre e comunque, per la gioia degli sviluppatori interessati.

LEGGI ANCHEGoogle annuncia nuovi formati per le pubblicità su AMP

Non è ben chiaro quando queste nuove regole entreranno in vigore, ma con Apple che ha già fatto la sua mossa, non pensiamo che Google vorrà tardare troppo nel rilanciare.

Fonte: ReCode
Apple