Daydream

Android N e Daydream porteranno la realtà virtuale sui nostri smartphone (foto e video)

Giuseppe Tripodi -

Che Google stesse puntando tanto sulla realtà virtuale era cosa nota, ma fino ad oggi non sapevamo come e quanto questo Daydream avrebbe influenzato la nostra esperienze utente con Android

Cos’è Daydream

Durante il Google I/O, BigG ha annunciato Daydream, la piattaforma per la realtà virtuale che sarà disponibile su Android N. Per ottenere le migliori prestazioni possibili, Google si è concentrata su tre elementi fondamentali:

LEGGI ANCHE: Scegliete il nome di Android N su questo sito!

  • Smartphone: l’azienda di Mountain View ha già stabilito partnership con le più importanti aziende del settore, i cui smartphone saranno pronti per la realtà virtuale. Tra gli altri, gli smartphone di Samsung, HTC, LG, Xiaomi, Huawei, ZTE, ASUS e Alcatel saranno compatibili
    Smartphone compatibili Daydream
  • Visore e controller: Google ha realizzato un design di riferimento per i visori e un controller dotato di sensori che percepiscono il movimento per puntare su Daydream
    controller daydream google io
  • App: ovviamente non ci sarebbe realtà virtuale che tenga senza le app da utilizzare. Per questo motivo, Google ha collaborato con diverse società per realizzare app e giochi appositamente creati per Daydream. Tra le tante, anche Netflix, Hulu, HBO, IMAX, CNN e altre per quel che riguarda l’intrattenimento e Ubisoft, EA, minorityVR e altre per il comparto videoludico. Inoltre, la stessa Google ha riprogettato alcune delle sue app per essere utilizzate al meglio su Daydream: Play Movie, Google Maps, Google Foto e ovviamente Youtube, che sarà dotato di controlli vocali e altre novità.Tutte le app saranno scaricate da un’apposita sezione del Play Store realizzata per la realtà virtuale e accessibile da Daydream Home, l’interfaccia della piattaforma.

Daydream sarà disponibile in autunno, ma chi ha un dispositivo compatibile potrà provarlo a partire da oggi con le nuove Developer Preview beta di Android N che verranno rilasciate a breve. Nell’attesa, lasciatevi tentare un po’ con le immagini e il filmato che vi lasciamo qui sotto.


Google I/O 2016google IOvideo