Project Tango sample final 1

Project Tango pronto al salto di livello: nel prossimo futuro su tanti Android e non solo? (video)

Nicola Ligas

Project Tango è una di quelle tecnologie un po’ borderline, a metà tra la realtà virtuale e quella… reale. Di suo si tratta di mappare l’ambiente circostante tramite una serie di fotocamere e sensori. Questi dati possono poi essere utilizzati per in vari scenari: dalla realizzazione di mappe, alla navigazione all’interno degli edifici, o ancora in congiunzione con la realtà virtuale, per inserire elementi reali all’interno della simulazione, e viceversa.

Secondo un report di report in Bloomberg, Google avrebbe intenzione di spingere in modo deciso su questa tecnologia nel corso del 2016, con lo scopo ultimo di renderla “ubiqua”. Nella visione di Google, la navigazione non si interrompe una volta arrivati a destinazione, ma continua all’interno di musei ed altri edifici, ad esempio per guidarvi allo scaffale giusto del supermercato, o per fornirvi informazioni aggiuntive sul luogo in cui vi trovate tramite realtà aumentata.

LEGGI ANCHE: Android VR praticamente confermato per il Google I/O

Per arrivare fino a questo punto, la tecnologia di Project Tango dovrebbe essere impiegata regolarmente negli smartphone Android, in modo che tutti possano contribuire a mappare l’ambiente a loro più familiare e costruire così una mappa davvero globale del mondo, dentro e fuori.

Ci vorrà diverso tempo per arrivare a questo, ma nell’attesa ci aspettiamo che Project Tango svolga il suo ruolo in accordo con la realtà virtuale (vedi il secondo dei due video qui sotto), un altro degli elementi cardine del prossimo Google I/O. Intanto potete anche dare un’occhiata ai video qui sotto, e dirci se è così che vi immaginate il futuro della navigazione.

Via: The VergeFonte: Bloomberg
Google I/O 2016google IOvideo