aggiornamento final

Anche FCC ed FTC pensano che gli aggiornamenti Android siano troppo lenti

Nicola Ligas

Per chi non avesse familiarità con le sigle in oggetto, FCC ed FTC sono rispettivamente la Federal Communications Commission ed la Federal Trade Commission statunitensi, due enti che si occupano di dispositivi di radiocomunicazione e commercio, come facilmente intuibile dai nomi stessi. Entrambe hanno quindi recentemente avviato un’indagine in merito alla lentezza degli aggiornamenti su Android.

Otto diversi produttori sono stati contattati, con richieste di chiarimento in merito al processo che occorre per sviluppare e diffondere agli utenti un aggiornamento per smartphone, tablet ed altri dispositivi mobili. La ragione della preoccupazione di FCC ed FTC sta nei potenziali rischi di sicurezza per gli utenti, dato che un sistema operativo datato lascia il cliente esposto a malware ed altri potenziali problemi (Stagefright viene menzionato esplicitamente).

LEGGI ANCHE: Android N sarà più sicuro contro Stagefright

Le preoccupazioni dei due enti sono più che legittime, e Google ha cercato di mitigarle da tempo con i suoi aggiornamenti mensili di sicurezza. Purtroppo questi coprono rapidamente solo i Nexus, lasciando il resto dei dispositivi Android in attesa per un tempo variabile; ed anche i produttori che seguono le orme di BigG, quando lo fanno, spesso aggiornano solo i propri top di gamma e non certo la totalità della loro line-up, lasciando quindi scoperti moltissimi utenti.

Non è insomma questione di “fame da aggiornamento” per avere nuove funzioni, quanto per un fatto di sicurezza, un fattore che il singolo utente può anche sottovalutare, ma che per le aziende, e per chi le controlla, è sempre più importante.

update meme

Via: PhandroidFonte: FCC