Motorola Vertex Vector Thin

Motorola fa tesoro dell’esperienza di Ara e realizzerà due Moto X (2016) “abbastanza” modulari

Nicola Ligas -

Motorola Moto X4 si farà in due: da una parte (immagine a sinistra) abbiamo Vertex (il medio gamma) dall’altra Vector Thin (il top), due smartphone internamente molto diversi, ma con un importante fattore comune: la compatibilità con un ecosistema di cover posteriori modulari, che li arricchiranno di tante funzionalità.

Grazie ai 16 pin posti sul retro, sarà possibile collegare i così detti Amps, degli “amplificatori”. Al lancio ce ne dovrebbero essere sei, tra i quali il più semplice è una cover colorata che viene inclusa gratuitamente con gli smartphone. I moduli più interessanti, venduti sia da Motorola che da aziende partner, comprendono degli speaker stereo, un battery pack, un camera grip con flash e zoom ottico, un pico proiettore, ed una cover resistente con lente wide angle per rendere la fotocamera grandangolare.

In poche parole la fotocamera posteriore non sarà sporgente, perché una volta agganciate (attacco magnetico, sicuro ma facilmente removibile) queste cover, la sua superficie coinciderà con il profilo posteriore dello smartphone.

LEGGI ANCHE: Ecco alcuni bei render dei nuovi Moto X

Da un punto di vista tecnico, sono entrambi dei 5,5” AMOLED ma mentre Vertex si ferma al full HD, Vector Thin arriva fino al QHD. Quest’ultimo è inoltre dotato del SoC Qualcomm Snapdragon 820 a 2 GHz (un po’ downloackato), mentre Vertex si accontenta di uno Snapdragon 625 a 2,4 GHz (un po’ overclockato).

Per quanto riguarda la dotazione di memoria, Vector Thin ha 32 GB di storage, uniti a 3 / 4 GB di RAM, mentre Vertex si avvale dell’accoppiata 2 GB / 16 GB o 3 GB / 32 GB, rispettivamente di RAM e memoria interna.

Differisce molto anche il comparto fotografico: 16 megapixel con laser e phase detection autofocus per Vertex13 megapixel con laser AF ed OIS per Vector Thin.

Esteriormente la differenza maggiore è nel profilo: Vector Thin sarebbe spesso appena 5,2, mentre Vertex arriva a 7 mm. Di conseguenza differiscono anche le batterie: 2.600 mAh per il primo, 3.500 mAh per il secondo (sì, il top di gamma ha meno batteria in quanto più sottile).

Si ripete insomma il paradigma visto con Moto X Play e Moto X Style, dei quali Vertex e Vector Thin appaiono come gli eredi naturali, ma con doti decisamente più originali. La Motorola dell’era Lenovo sembra comunque partire col piede giusto, ma probabilmente lo sapremo per certo il 9 giugno prossimo, quando i due smartphone dovrebbero essere presentati (nessuna comunicazione ufficiale in merito, per ora).

Fonte: Venturebeat
Motorola Moto X (2016)