FlashFire

FlashFire 0.32: ripristino dei backup tramite Fastool ed installazione delle OTA con recovery

Andrea Centorrino

FlashFire è un tool per il flash di ROM, kernel e mod che non necessita dell’ausilio di una custom recovery. Sviluppato dal noto ChainFire, già autore di SuperSu, la versione 0.32 porta diverse novità, specialmente per chi non ha tempo da perdere.

La prima permette di creare backup flashabili da Fastboot: finora, una volta creato un backup, se qualcosa andava storto bisognava flashare da recovery o da FlashFire stesso, e non sempre era possibile in tempi brevi. Come tante funzioni del tool, anche questa è sperimentale, e limitata alle partizioni boot, recovery, system, vendor, oem, cache, e userdata (che include anche la memoria interna): le partizioni radio/modem e bootloader sono al momento escluse (ma lo sviluppatore ci sta lavorando).

La partizione userdata, se salvata come backup Fastboot, non potrà essere ripristinata tramite FlashFire. Inoltre, lo strumento eseguirà backup intelligenti, evitando file ridondanti come i backup delle recovery ed i propri.

LEGGI ANCHE: SuperSU sembra funzionare senza problemi su Android N

Qualche aggiornamento fa, FlashFire guadagnava l’abilità di installare aggiornamenti OTA per diversi dispositivi, senza far perdere i permessi di root. Ora ChainFire ha portato il tool ad un livello successivo, permettendogli di installare gli aggiornamenti senza perdere le custom recovery installate: una volta terminato l’aggiornamento, esse verranno reinstallate in maniera totalmente trasparente per l’utente.

Se fate parte del gruppo beta, potrete scaricare la nuova versione di FlashFire cliccando sul badge sottostante. In caso contrario, potrete registrarvi per chiederne l’ammissione, o scaricare l’apk che ChainFire, molto gentilmente, ha caricato sul proprio server.

Google Play Badge

Via: Android PoliceFonte: Google+