Netflix-final-istock-1

Scaricate la prima beta ufficiale di Netflix sul Play Store! (aggiornato: ritirata)

Nicola Ligas -

Netflix ha appena aperto un suo programma beta ufficiale sul Play Store, nel quale è già stata pubblicata una prima, nuova versione dell’app per smartphone e tablet del celebre servizio di streaming. Cosa c’è quindi di nuovo? La risposta non è così semplice, purtroppo.

Su apkmirror si parla di un nuovo modo per risparmiare dati su rete mobile, disponibile nelle impostazioni e nella schermata di riproduzione dei video, quando sotto copertura di rete da parte del vostro operatore. Il problema è che, dopo aver aderito alla beta ed installato Netflix 5.1.0 build 7616 dal Play Store (la stessa disponibile su apkmirror), non c’è traccia di questo data saver. Potrebbe quindi trattarsi di un’attivazione lato server o di una funzione non ancora disponibile in tutto il mondo, ma chiediamo anche a voi di riportare la vostra esperienza nei commenti.

LEGGI ANCHE: 5 trucchi per usare Netflix al meglio

Ricordate comunque che si tratta di una versione beta e che quindi potrebbe essere instabile, anche solo sloggandovi dal vostro account di quando in quando, o con errori di riproduzione più frequenti, che in effetti abbiamo notato nel breve uso che ne abbiamo fatto.

Aggiornamento 15/03: Netflix ha ritirato la beta dal Play Store, affermando che non fosse pronta per il lancio pubblico (in effetti il link non era stato annunciato ma l’avevamo ricostruito “a logica”), ma se comunque vi foste registrati, dovreste continuare a farne parte. La funzione per il risparmio di dati non fa poi parte delle beta, ma come previsto è in rilascio graduale in attesa di lanciarla ufficialmente su Android ed iOS.

Aggiornamento 22/03: Dopo l’ultimo aggiornamento della beta, l’app è diventata inutilizzabile. Netflix probabilmente non vuole utenti in una beta che non era intesa per il pubblico dominio, pertanto vi consigliamo di andare su questa pagina e cancellare l’adesione, casomai aveste partecipato in precedenza.

Via: TechCrunch