qualcomm-snapdragon-final

Qualcomm farà spremere lo Snapdragon 820 ai dev per una VR mai vista

Cosimo Alfredo Pina

Fornire accesso alle risorse hardware di basso livello, per una realtà virtuale ottimizzata, efficiente ed immersiva. Questa è l’ambiziosa idea che Qualcomm presenta con il suo nuovo VR SDK progettato per i processori Snapdragon 820, l’ultimo SoC tra quelli dedicati agli smartphone top gamma.

Il VR SDK di Qualcomm metterà a disposizione degli sviluppatori diverse tecnologie che faciliteranno lo sviluppo di giochi ed esperienze per la realtà virtuale, permettendo anche di sfruttare a pieno e con criterio la potenza della piattaforma hardware.

Monitoraggio veloce dei sensori, performance 3D migliori fino al 50% (rispetto a quanto ottenibile senza SDK), correzione stereoscopica e degli effetti di distorsione delle lenti, oltre che attenzione ai consumi e alla temperature.

LEGGI ANCHE: Qualcomm Snapdragon 820, la nostra anteprima

Come detto il tutto sarà appannaggio dei dispositivi basati su Snapdragon 820; nel comunicato Qualcomm accenna ovviamente agli smartphone ma parla anche di indossabili, facendo pensare che i suoi SoC potrebbero trovare posto in qualche visore, forse l’atteso Cardboard 2.0.

Le premesse per una piccola rivoluzione della realtà virtuale, almeno quella basata su smartphone, sembrano esserci tutte ma ci vorrà ancora qualche mese prima di vederle applicate visto che il VR SDK sarà rilasciato, sul Qualcomm Developer Network, nel secondo trimestre del 2016.