Android N - 1

Android N svelato: split screen, notifiche ridisegnate e nuove opzioni per l’autonomia (aggiornato)

Nicola Ligas

No, non è uno scherzo: la maggior parte delle novità di Android N sono davvero state svelate, per errore, ma non da Google, bensì da Arstechnica. In un articolo subitaneamente rimosso, il noto sito ha infatti pubblicato molti dettagli sulla nuova developer preview di Android, incluso l’indirizzo presso cui sarà disponibile: http://www.google.com/android/beta, dove potete vedere uno degli errori 404 più brutti della storia, segno che anche lui è stato prontamente messo offline. Avendovi quindi spiegato perché riteniamo attendibili le informazioni riportate, vediamo cosa c’è di nuovo.

Il multi-windows, sia su smartphone che su tablet, ci sarà. Non sappiamo di preciso come questa verrà attivata, dato che nella schermata app recenti non sembrano esserci tracce di pulsanti dedicati, ma almeno sembra che la porzione di split screen sarà ridimensionbile a piacere dell’utente ed a seconda delle app visualizzate. Le app dovranno appositamente essere progettate per questa modalità, con una specifica chiamata nel manifest, e c’è anche una modalità “picture in picture“, che però è esclusiva della Android TV. Quest’ultima guadagna anche la possibilità di registrare e riprodurre contenuti dalle sue fonti di input.

LEGGI ANCHE: La nostra anteprima di Android N con tutte le novità (foto e video)

Il pannello delle notifiche è stato ridisegnato come già abbiamo visto in precedenza, ed inoltre è possibile rispondere alle notifiche senza dover aprire l’app relativa, utilizzando la medesima API RemoteInput API già impiegata da Android Wear, il che significa che molte applicazioni sono già compatibili con questo sistema senza alcuna modifica. Le notifiche possono infine essere raggruppate per singola app, e solo tappando su un apposito pulsante queste saranno espanse.

Android N - 2

Doze è stato potenziato, in modo da funzionare non solo col telefono stazionario per un certo periodo di tempo, ma direttamente allo spegnimento dello schermo. Google afferma inoltre di aver continuato a lavorare su “Project Svelte,” per rendere Android più performante anche su dispositivi di fascia bassa.

Oltre a Doze, Android N introduce anche Data saver, un modo per risparmiare traffico dati su rete mobile con qualsiasi app; da non confondere con i metodi di compressione propri di alcuni browser. Inoltre, nelle impostazioni, è possibile selezionare più di una lingua, in modo da supportare meglio il bilinguismo ed offrire esperienze consistenti anche con le varie app.

È stata inoltre aggiunta la gestione di black list, in modo da bloccare numeri indesiderati, e queste liste rimarranno anche tra un reset e l’altro, e saranno condivise da più applicazioni, in modo da non doverli reimpostare di volta in volta. E dulcis in fundo, i tempi di boot sono stati ridotti.

Lato dev, c’è stato anche cambio di implementazione Java di cui abbiamo già parlato, ma i dettagli tecnici precisi al momento non sono noti, e forse interesseranno di più gli sviluppatori, piuttosto che i normali utenti.

E quando arriverà quindi questa preview di Android N? Di preciso non lo sappiamo, ma diremmo molto presto, ben prima del Google I/O 2016, forse già da oggi o comunque nei prossimi giorni (tenete d’occhio questa pagina). Google avrebbe infatti detto “Prima avremo i vostri feedback, e più ne potremo integrare,” proprio in merito al rilascio anticipato della preview di Android N.

I dispositivi per cui sarà disponibile dovrebbero essere Nexus 6P, Nexus 5X, Nexus 6, Pixel C Nexus 9, Nexus Player e Android One. Hiroshi Lockheimer, capo di Android, ha dichiarto che la versione finale di N sarà data in pasto ai vari partner nel corso dell’estate, ma non è ben chiaro se questa in quel momento sarà anche rilasciata al grande pubblico, o se questo sarà un modo per dare loro un cero vantaggio e non farsi trovare impreparati com’è successo con Android Marshmallow. The Show Must Go On.

Aggiornamento: come previsto, la Developer Preview di Android N è disponibile da oggi. Potete scaricarla a questo indirizzo.

Aggiornamento 10/03: Ecco la nostra video anteprima con il dettaglio di tutte le novità di Android N.

Fonte: Google