Dirty Unicorns

Gli sporchi unicorni hanno fame di Marshallow: rilasciata la nuova Dirty Unicorns ROM (video)

Andrea Centorrino

Fra le migliaia di custom ROM custodite fra le pagine di XDA-Developers, troviamo la Dirty Unicorns, di cui vi abbiamo già parlato in passato e che proprio in questi giorni ha finalmente fatto il salto ad Android 6.0 Marshmallow.

Anziché concentrarsi nel portare tutte le novità di Marshmallow nella propria ROM, il team degli sporchi unicorni ha preferito realizzare delle funzioni proprietarie, fra cui troviamo Fling, SmartBar, Pulse e Themes Tile: vediamo di capire cosa sono.

Fling è un sistema di navigazione basato sulle gesture: l’utente potrà associare ad una determinata gesture l’apertura di un’app, di un contatto, delle impostazioni e così via.

LEGGI ANCHE: BlissRom sembra copiare spudoratamente la Dirty Unicorns

SmartBar risulterà particolarmente utile per gli utenti di quei dispositivi senza tasti di navigazione fisici: anziché i soliti 3 pulsanti, se ne potranno avere fino a 7 o 10 (a seconda del dispositivo), da associare a scorciatoie varie, come Fling.

Pulse, invece, altri non è che un equalizzatore musicale che si attiverà automaticamente durante la riproduzione dei file audio. Infine troviamo Themes Tile, che, in maniera simile a quanto visto su CyanogenMod, permetterà di personalizzare l’aspetto di ogni singola app.

I dispositivi supportati dalla Dirty Unicorns ROM sono al momento pochi, e fra questi troviamo i vari Nexus, Moto X Style, NVIDIA Shield K1 e Oppo R7 Plus. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo al link della fonte, mentre a seguire trovate due video che mostrano Fling e SmartBar in azione.

Via: XDA-DevelopersFonte: Dirty Unicorns