aokp

“L’unicorno mangia Marshmallow e peta arcobaleni”: AOKP pronta a tornare in pista

Nicola Ligas

Dopo secoli di assenza dalle scene, calcate per l’ultima volta con Android 4.4 KitKat (seppure con una versione non all’altezza della precedente con Android 4.3 Jelly Bean), il Team Kang torna a battere un colpo, promettendo che Marshmallow potrebbe finalmente essere la volta buona del rientro in scena della celebre ROM AOKP.

Grazie all’arrivo di nuovi membri del team, i sorgenti sono adesso allineati con quelli AOSP, e le build per alcuni device non sono più un miraggio. Tra questi annoveriamo Nexus 5X, Nexus 5, Nexus 4, il primo Moto G e anche OnePlus 2, ma con poco sforzo in più dovrebbero arrivare anche OnePlus One, Oppo Find 7, Moto E e qualche altro dispositivo (qualcuno ha detto Xperia?).

LEGGI ANCHE: Editoriale: il modding è morto

Sia chiaro però che questo non è probabilmente l’Android Open Kang Project che ricordavate. L’AOKP di adesso è basato su CyanogenMod 13, e quasi tutte le sue funzioni sono quelle di CM. Ci sono però anche una “dozzina” di funzioni non specificate, portate da altre ROM o dall’AOKP originale, ma appunto, al momento non sappiamo di preciso di quali si tratti.

Nessuna promessa nemmeno sui tempi di rilascio: vediamo dove ci porteranno “i prossimi giorni” e forse avremo delle build ufficiali “abbastanza presto”.

Fonte: AOKP
Android Open Kang ProjectAOKP